Lee Monsanto

Monsanto vince ancora. Dewayne "Lee" Johnson ha accettato il risarcimento di 78 milioni di dollari. Il giardiniere aveva portato a processo la multinazionale accusando il glifosato di essere responsabile del suo cancro.

Il caso di Johnson è stato il primo a collegare direttamente Roundup al cancro. Una vicenda che ha sollevato dubbi su ciò che il produttore di Roundup sapeva realmente sui pericoli. La scorsa estate l'uomo di 46 anni aveva portato in tribunale Monsanto, certo che la causa della terribile malattia che lo stava portando alla morte fosse il glifosato. Ma non solo. I suoi legali avevano accusato il colosso americano di aver negato l'esistenza di rischi per la salute. Lee lavorava per un distretto scolastico e regolarmente utilizzava il Roundup nei campus. Nell'agosto del 2014, gli viene diagnosticato un linfoma non Hodgkin, ad appena 42 anni.

A luglio era arrivato l'esito della sentenza, definita storica. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Vince Chhabria, aveva rilevato prove sufficienti affinché la giuria potesse prendere in considerazione i casi che accusano il glifosato di aver favorito la comparsa del cancro.

Un mese dopo, Monsanto era stata giudicata colpevole all'unanimità e condannata a versare 289 milioni di dollari di risarcimento. Successivamente, i danni punitivi sono stati ridotti da 250 milioni a 39 milioni di dollari, lo stesso importo concesso per i danni compensativi, motivando la decisione con l'assenza di prove convincenti del fatto Monsanto ignorasse i rischi legati al cancro.

Gli avvocati di Johnson hanno concentrato i loro sforzi per dimostrazione che Monsanto avesse celato le prove delle proprietà cancerogene del suo erbicida. Dal canto suo, il colosso americano si è sempre difeso sostenendo che Johnson avesse sviluppato il cancro prima di usare Roundup.

"Le prove scientifiche del fatto che i prodotti a base di glifosato non causino il cancro e non lo abbiano fatto col signor Johnson sono schiaccianti", ha detto l'avvocato difensore George Lombardi. "Il singolo studio più pertinente ha concluso che il glifosato non è associato al linfoma non Hodgkin, il cancro di Johnson".

Il giudice Bolanos ha dato a Johnson e ai suoi avvocati fino al 7 dicembre sia per l'accettazione del nuovo importo sia per la richiesta di un nuovo processo. Ma Lee ha già deciso di dire sì.

L'aver accettato il risarcimento è una vittoria ma solo a metà. Anche se il denaro non servirà a ridare la salute all'uomo, ormai prossimo alla fine della sua vita, la decisione suona un po' come una sconfitta rassegnata contro i soliti grandi.

La storia si ripete, Golia ha sconfitto Davide.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram