orfanotrofio kenya

Ricordate la storia dell’orfanotrofio di Mama Dolphne e di Torsten Kremser, il ragazzo tedesco che da un momento all’altro aveva deciso di prendersi cura della sua costruzione? Il progetto sta procedendo molto bene e ora l’orfanotrofio per i bambini del Kenya ha un nuovo alloggio sostenibile di un bel color giallo brillante.

Torsten Kremser un paio di anni fa aveva deciso di mollare tutto per girare il mondo e in Kenya aveva incontrato una realtà che aveva bisogno di aiuto. Le vicende dei bambini poveri e senza genitori lo avevano così colpito da portarlo a creare il progetto A Better Me Foundation per supportare la costruzione dell’orfanotrofio.

La nuova costruzione comprende lo spazio necessario per otto ospiti. Qui potranno vivere i volontari che stanno donando il proprio tempo e la propria energia al Korando Educational Center.

Quando il progetto è partito nel 2015 l’idea era di raccogliere fondi per costruire una scuola permanente destinata ai bambini. Il denaro necessario a realizzare una scuola vera e propria non è ancora disponibile e allora per il momento la fondazione si sta occupando di migliorare le strutture già esistenti e di ampliare la possibilità di accogliere volontari che si prendano cura dei bambini.

orfanotrofio kenya

Leggi anche: IL RAGAZZO TEDESCO CHE HA AUTOCOSTRUITO UN ORFANOTROFIO LOW COST E GREEN PER I BAMBINI DEL KENYA (FOTO)

La nuova struttura è stata costruita seguendo criteri di sostenibilità e con l’obiettivo di attirare l’attenzione internazionale sul progetto. Sono stati utilizzati materiali locali e di recupero. Tutti i materiali provengono dalle vicinanze di Kisumu, ad eccezione di alcuni dettagli, come le maniglie delle porte o i rubinetti per le docce.

Leggi anche: CASE PASSIVE: IN KENYA L'ORFANOTROFIO COLORATO FATTO DI TERRA, LEGNO E ARGILLA (FOTO)

orfanotrofio kenya 1
 
orfanotrofio kenya 2
 
orfanotrofio kenya 4
 
orfanotrofio kenya 5
 
orfanotrofio kenya 23

Ci sono ampie finestre che sfruttano la luce e la ventilazione naturale. Un sistema ad energia solare autocostruito permette di riscaldare l’acqua necessaria per cucinare e di mantenerla alla gusta temperatura per ore. Le acque grigie della cucina e delle docce vanno ad irrigare le coltivazioni di frutta e verdura dell’orto. Per l’illuminazione nelle ore di buio si usano delle lampadine LED che consentono di risparmiare energia rispetto alle vecchie lampadine disponibili sul luogo.

Torsten è giovanissimo e molto volenteroso. Continuerà ad occuparsi del progetto nella speranza di riuscire a dare vita ad una scuola dove i bambini del Kenya possano studiare e costruirsi un futuro migliore.

Marta Albè

Fonte foto: A Better Me Foundation

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram