Finalmente il sì all'articolo 13 del Disegno di Legge europea 2013 che restringe la vivisezione e incentiva il ricorso ai metodi sostituivi di ricerca è arrivato. Ieri il provvedimento ha incassato, infatti, il parere favorevole della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, segnando una vittoria che chiuderà definitivamente l'allevamento Green Hill. E non solo.

Tra i punti più salienti, oltre alla norma "anti-Green Hill", che vieta sul territorio nazionale l'allevamento di cani, gatti e primati per scopi scientifici e che segna la fine del lager di Montichiari, ci sono anche i divieti a pratiche come i test per droghe, alcool, tabacco, armi, didattica, limiti ad alcuni utilizzi e obbligo di anestesia e analgesia, che fino ad oggi non venivano usate in almeno il 20% degli esperimenti sui quasi 900mila animali che ogni anno vengono ancora torturati e uccisi nei laboratori italiani.

Ma si tratta solo di un punto di ri-partenza e non di arrivo. Perché c'è ancora tanto, tantissimo, da fare e ottenere. "Purtroppo in Parlamento non era all'ordine del giorno il no totale alla vivisezione – sottolinea la LAV- , il nostro obiettivo, e per questo sosteniamo l'iniziativa europea dei cittadini "Stop Vivisection" che non è in antitesi con questa battaglia, ma questo articolo 13 delle Legge di delegazione europea 2013, rappresenterà una svolta in Italia e un esempio per tanti altri Paesi".

Quello che gran parte dell'Italia vuole è l'abolizione della vivisezione e nessuna miglioria potrà mai accontentarla. A loro, però, la LAV risponde: "finalmente in Italia si fanno dei passi in avanti e ci sarà una delle normative più restrittive del mondo. E soprattutto si uccideranno meno animali nei laboratori. Nessuno infatti è mai andato così vicino nel vedere riconosciuti alcuni diritti degli esseri senzienti che subiscono violenze in nome di una falsa scienza".

Anche l'Enpa ribadisce: "naturalmente il nostro obiettivo era e rimane quello di fermare definitivamente i test sugli animali, inutili e mai validati scientificamente. Tuttavia, non possiamo non ritenere un importante passo avanti, oltre allo stop agli allevamenti, il divieto per le sperimentazioni senza anestesia; bene anche l'impulso ai metodi sostitutivi. Per noi la votazione di oggi rappresenta non un punto d'arrivo, ma un punto di partenza dal quale intensificare e rafforzare la nostra battaglia contro qualsiasi tipo di esperimento sugli animali".

Proprio per questo è importantissimo aderire alla campagna Stop Vivisection, nata per abrogare la direttiva 2010/63/UE sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici e a presentare una nuova proposta che abolisca l'uso della sperimentazione su animali.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- Stop vivisection: da oggi si puo' firmare online per eliminare la sperimentazione animale nell'Ue

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram