In tandem fino al mare: il viaggio in bici di un papà e del figlio non vedente che insegna ad affrontare le sfide con il sorriso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Roberto Brunelli è da sempre un patito dello sport e nei suoi 32 anni di vita ha praticato di tutto passando dall’atletica leggera al paracadute, dal ciclismo al canottaggio. Niente di strano se non fosse che è cieco dalla nascita, e nonostante questo non ha mai rinunciato alle sue passioni. A dimostrazione che le disabilità, pur comportando delle difficoltà, non devono scoraggiarci perché è lo spirito con cui si affronta la vita a fare la differenza.

E proprio con questo spirito intraprendente e gioioso, Roberto ha deciso di partire per una nuova avventura, accompagnato questa volta dal suo papà Sergio, ex cuoco in pensione di 69 anni: un viaggio in bicicletta verso il mare, che i due sognavano da anni di fare insieme, come racconta OglioPoNews.

Il viaggio, iniziato lunedì 16 settembre, si è concluso mercoledì sera, quando Sergio e Roberto, accompagnati da una coppia conosciuta per caso, Chiara e Maurizio, hanno raggiunto la loro ambita destinazione. Da Cingia de’ Botti si sono diretti a Casalmaggiore per poi raggiungere Cizzolo e proseguire verso Rosolina Mare, in provincia di Rovigo, dove sono giunti mercoledì verso le 18.

Tutto è andato a meraviglia, inclusa la solidarietà di chi li ha incontrati per strada facendogli da guida, a parte qualche piccolo inconveniente come il vento forte lungo 66 km di strada e una foratura a Cavallara. Ma papà e figlio non si sono abbattuti e alla fine ce l’hanno fatta, percorrendo nel complesso ben 276 km.

Prima di affrontare la sfida in sella, si erano preparati a lungo facendo numerosi allenamenti, che li hanno preparati alle 7-8 ore di bici giornaliere. Anche la strada Eurovelo 8, sulla sponda sinistra del fiume, è stata d’aiuto ai due ciclisti per arrivare a destinazione.

L’unico inconveniente di una certa portata è stato semmai l’assenza di infrastrutture per disabili per il cambio di binari nelle stazioni del treno, mezzo che i due hanno utilizzato nel viaggio di ritorno. Buono a sapersi, così si potrà rimediare al più presto.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook