#50MillionTrees: ecco come i giovani stanno salvando la Tanzania piantando alberi

50_milioni_di_alberi_tanzania

In Tanzania ogni anno più di 370mila ettari di foresta vengono cancellati per sempre e tutta la biodiversità del Paese è in pericolo. Dallo scorso anno, un gruppo di giovani ha lanciato la campagna #50MillionTrees, che mira a favorire gli autoctoni e ad arginare la perdita dell’ambiente naturale.

L’idea è quella che se ognuno degli abitanti che vivono in Tanzania, circa 50 milioni, piantasse un albero, ci sarebbe una bella inversione di tendenza.

Oggi, la maggior parte degli habitat è a rischio così come la flora e la fauna che devono lasciare spazio a legna da ardere, legname e carbone, con gravissime ripercussioni non solo sull’ambiente, ma anche sulla salute umana.

La desertificazione è in aumento e tre quarti della popolazione della Tanzania è costretta a vivere con la sussistenza, seguendo i ritmi delle stagioni per sopravvivere. Anche se l’agricoltura rappresenta un quarto dell’economia tanzaniana, i contadini soffrono le conseguenze del degrado ambientale.

Ma grazie alla campagna #50MillionTrees è possibile arginare questo problema, non solo ambientale ma anche umano.

50 milioni di alberi tanzania1

Oltre a sensibilizzare sulle questioni ambientali, si può promuovere la sostenibilità e favorire l’idea che tutti possono contribuire a fare la differenza. Oggi sono più di mille i giovani che sostengono questo progetto che fa parte di un’ampia iniziativa lanciata da Raleigh International che contribuisce alla realizzazione di obiettivi globali stabiliti dalle Nazioni Unite in ambito di sostenibilità.

Potrebbero interessarvi:

Finora il progetto ha raggiunto oltre 150mila persone, tra cui 10mila bambini nelle scuole e sono stati piantati tantissimi alberi, ciò non solo combatte la deforestazione ma aiuta la popolazione locale a sopravvivere.

Dominella Trunfio

Foto

Hello Fish!

Pesce, ne consumiamo troppo e male. Ecco come fare scelte responsabili

Coop

Arrivano nel reparto ortofrutta i meloni senza glifosato

dobbiaco

corsi pagamento

seguici su facebook