Valle dei Cavalieri: così il borgo di Succiso è stato salvato dallo spopolamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Immaginate di alzarvi una mattina e di essere un fornaio, quella seguente un ristoratore, quella dopo ancora un produttore locale. Non siamo in una favola ma a Succiso, in Emilia Romagna.

Un paese sopravvissuto allo spopolamento grazie alla Cooperativa comunità “Valle dei Cavalieri” che oggi è diventata un modello contro lo spopolamento, studiato in tutto il mondo.

“L’idea che ci ha portato alla costituzione della cooperativa, dove l’associazione da parte delle persone è volontaria e la proprietà è comune, è stata quella di reagire all’insostenibilità economica di singole attività e all’assenza di servizi di interesse generale con una risposta collettiva che coinvolgesse tutti i residenti del paese”, si legge sul sito web.

A Succiso i residenti sono 65, la metà sono soci della Cooperativa che grazie a un lavoro di squadra, riesce a rispondere ai bisogni della collettività. Laddove le saracinesche erano state abbassate, le case svuotate e le vie abbandonate, cresce e vive adesso una comunità fiorente che offre percorsi economici virtuosi e crea occupazione con effetti positivi sui cittadini e sul territorio stesso. Una storia a lieto fine insomma.

LEGGI anche: BORGHI ABBANDONATI: IN ITALIA SONO 1500 E RISCHIANO DI SCOMPARIRE PER SEMPRE (FOTO)

valle dei cavalieri succiso

La nascita della Cooperativa Valle dei Cavalieri

La storia inizia nei primi anni Novanta, quando a Succiso chiude l’unico bar del paese, poco tempo prima era toccato alla bottega. Senza alcuna forza economica, un piccolo borgo è destinato a morire ed inevitabilmente allo spopolamento.

È in quel momento che i ragazzi della proloco decidono di costituire la Cooperativa Valle dei Cavalieri, nome ripreso dalla zona geografica in cui sorge Succiso.

Inizia così l’avventura, con i primi investimenti viene sistemata la scuola elementare prima inagibile, poi una dopo l’altra tornano le insegne del bar, delle bottega e via dicendo, fino alla creazione di un vero e proprio agriturismo che oggi ospita oltre 10mila turisti l’anno.

In collaborazione con altre realtà locali, tra cui l’associazione Altri passi, ci sono poi escursioni, trekking e attività sportive. Attualmente, il fatturato della Valle dei Cavalieri si aggira intorno ai 700mila euro e in 20 anni sono stati investiti 1,5 milioni di euro.

LEGGI anche: COME RIVALUTARE I PAESI ABBANDONATI E RISCOPRIRE I BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA

valle dei cavalieri succiso1

Ai 33 soci si uniscono 7 dipendenti fissi con uno stipendio di circa mille euro al mese e altri stagionali. La forza della cooperativa è proprio quella di essere interscambiabili, perché ognuno sa fare diverse cose.

C’è ad esempio chi accompagna con il minibus i bambini a scuola e poi con lo stesso mezzo svolge commissioni per gli altri abitanti, chi prepara il pranzo all’agriturismo e poi accudisce gli animali.

Insomma una versatilità che sostenta un paese.

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook