Meno plastica e meno batteri! Questa studentessa ha inventato un dispositivo per conservare il cibo a temperatura ambiente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Maitane Alonso ha solamente 18 anni ma già si è fatta notare per aver ideato un’innovativa macchina per conservare il cibo. La sua invenzione le ha permesso di vincere il prestigioso premio del MIT.

Maitane è nata nel 2001 a Bilbao e attualmente frequenta la facoltà di medicina all’Università dei Paesi Baschi (UPV). La sua macchina per la conservazione degli alimenti si è aggiudicata il primo premio in Sostenibilità e il secondo in Microbiologia nel concorso di scienza e tecnologia organizzato dal prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT) a cui hanno partecipato oltre 2.000 persone provenienti da 80 paesi. Ma non solo, la sua macchina ha suscitato l’interesse della Nasa.

Ma di cosa si tratta esattamente? La ragazza ha ideato un dispositivo in grado di conservare il cibo a temperatura ambiente.

Questa invenzione tecnologica potrebbe essere una nuova alternativa contro lo spreco di cibo deperibile. E l’obiettivo di Maitane era proprio quello di ideare qualcosa del genere. Come lei stessa ha raccontato, tutto è iniziato anni fa quando si è resa conto di quanto cibo si sprecava a casa sua. Facendo una ricerca si è accorta poi che il problema non riguardava solo la propria famiglia ma che un terzo della produzione alimentare mondiale viene buttato via a causa di difficoltà di conservazione.

L’idea della macchina è nata per caso dopo che suo fratello aveva dimenticato le scarpe da calcio accanto ad un generatore. La ragazza ha notato che l’odore era scomparso e ha fatto un intelligente collegamento ovvero: se il cattivo odore è causato da microrganismi, cosa succederebbe se applicassimo lo stesso sistema al cibo?

Da lì ha iniziato a sviluppare questa invenzione rivoluzionaria che allunga la scadenza del cibo con un metodo che è stato chiamato “confezionamento trattato con aria”. La macchina sostanzialmente dissocia le molecole d’aria che vengono poi utilizzate sul cibo in modo tale che riescano ad uccidere i microrganismi. Al termine del processo, la durata di conservazione del prodotto risulta aumentata.

macchina-conserva-cibo

L’invenzione della brillante studentessa spagnola:

“Non solo prolunga la durata di conservazione, ma lo fa riducendo l’uso di sostanze chimiche che possono avere effetti dannosi o sconosciuti. Siamo riusciti a ridurre l’uso della plastica in tutte le case e abbiamo potuto prevenire le malattie causate dal cibo” ha spiegato la ragazza.

L’invenzione si compone di due macchine: una finalizzata alla conservazione nelle case e l’altra nell’industria.

L’obiettivo di Maitane è ora quello di riuscire a commercializzare la sua invenzione perché, “ci sono molti tumori che sono causati da problemi nel cibo o dalla conservazione degli alimenti” (la brillante studentessa si vuole specializzare proprio in oncologia).

Nel frattempo, come ulteriore riconoscimento, il Massachusetts Institute of Technology ha deciso di battezzare un asteroide con il suo nome .

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook