Spesa sospesa: aiutiamo le famiglie in difficoltà a causa del coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’emergenza sanitaria provocata dal coronavirus sta mettendo in seria difficoltà numerose famiglie italiane che, non potendo contare su un’entrata sicura, hanno problemi a fare la spesa.

Nonostante gli aiuti introdotti dal recente decreto Cura Italia, molti liberi professionisti, commercianti, dipendenti in cassa integrazione e persone che purtroppo lavoravano ancora in nero, si sono trovati all’improvviso con un’entrata ridotta o addirittura senza alcun introito.

Per aiutare le famiglie più colpite e prevenire tensioni sociali, il governo ha annunciato nella serata di ieri l’arrivo di buoni spesa per garantire l’acquisto di beni di prima necessità a chi si trova in difficoltà.

Anche noi possiamo però fare la nostra parte, tendendo la mano a chi non ce la fa attraverso la spesa sospesa.

L’iniziativa ricalca il noto caffè sospeso ed è molto semplice da mettere in pratica: ogni volta che ci rechiamo al supermercato, possiamo acquistare alcuni beni di prima necessità da lasciare a chi ha bisogno, specificando al cassiere o al titolare del punto vendita che si tratta di una spesa sospesa.

In questo modo chi arriverà dopo di noi potrà trovare un sacchetto di generi alimentari a costo zero, come spiega Roberto Fico, Presidente della Camera.

“Le giornate difficili che stiamo vivendo vanno affrontate con spirito di comunità. E il nostro Paese lo sta dimostrando fino in fondo. Si moltiplicano in tutte le regioni progetti di solidarietà per aiutare chi si trova in condizioni di maggiore difficoltà. Una di queste è la “spesa sospesa”. In vari quartieri, città, piccoli comuni in Italia è possibile, quando si va a fare la spesa in questi giorni, decidere di donare alcuni prodotti che saranno poi consegnati ai più bisognosi e alle persone più fragili. Iniziative simili sono già attive in Campania, Puglia, Sicilia e Toscana”, scrive Fico su Facebook.

Si tratta di un piccolo gesto di solidarietà che tutti noi possiamo attuare e che potrebbe aiutare subito, in modo concreto, chi non sa cosa portare a tavola.

Leggi anche:

Fonti di riferimento: Quotidiano di Puglia/Corriere del Mezzogiorno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook