Abbandonata in orfanotrofio perché ha la sindrome di Down, oggi Sevy è un’artista e ha una bellissima famiglia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi Sevy Marie Eicher è sorridente mentre su Instagram si mostra tra i suoi quadri colorati che vanno letteralmente a ruba. I suoi occhi trasmettono energia, ma soprattutto tanta serenità. Ma la sua, non è stata un’infanzia perfetta e questo amore, questa famiglia se l’è conquistata piano piano, giorno per giorno.

Sevy nasce a Sofia, in Bulgaria. Viene abbandonata in un orfanotrofio perché ha la sindrome di Down. In istituto arrivano tante famiglie, ma per lei non c’è nessuna mamma e nessun papà. Tanti bimbi trovano una casa, ma lei sembra destinata a rimanere in quelle quattro mura per sempre. Ha già 12 anni Sevy. Nel 2016 però qualcosa finalmente cambia. Dagli Stati Uniti arriva Lisa Eicher con la sua famiglia, vede Sevy e si innamora di questa ragazzina apparentemente timida, ma in fondo solo in cerca di affetto e amore.

View this post on Instagram

Painting these quarantine days away.

A post shared by Sevy Marie Eicher (@sevymarieart) on

La famiglia Eicher non è estranea all’adozione, in famiglia c’è già Archie adottato nel 2011 all’età di 7 anni e con sindrome di Down. Poi ci sono altri due fratelli. Lisa e Ace arrivano in Bulgaria. “Quando abbiamo visto la sua foto, abbiamo capito che sarebbe stata figlia nostra e siamo andati a prenderla”, dice la coppia. “Era già grande. Di solito gli orfani alla sua età non sono nemmeno adottabili e vengono presi in carico dalle istituzioni”, dice Lisa Eicher.

La ragazzina trova una casa in Texas, ma Sevy è diffidente. Lei non è abituata all’amore. Non è mai andata a scuola, non ha mai avuto dei fratelli, né una mamma, né un papà. Adesso ha una grande casa, due genitori splendidi e tanti amici a quattro zampe, eppure continua a non parlare, a non mostrare i suoi sentimenti. Non sorride, ha paura.

I genitori provano ad avvicinarsi, ma Sevy li respinge. L’unica cosa che le dà gioia sono pennarelli e pennelli. Lisa le compra un album, la ragazzina è attratta dai colori. Finalmente qualcosa la smuove dal suo muro di cemento armato. Sorride per la prima volta.

Sevy prende in mano i suoi colori e lascia spazio alla fantasia. Tavolozze esplosive di vernice che trasmettono tanta allegria. Si lascia finalmente andare all’arte e alla sua nuova e speciale famiglia. Oggi Sevy è una straordinaria artista e i suoi quadri sono venduti in tutto il mondo a dimostrazione che non esistono limiti e che nella vita, a volte, basta avere un’opportunità.

Fonte: Paper city

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook