In Belgio l’albergo apre per i senzatetto: sono i clienti più rispettosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Durante questo periodo difficile causato dall’emergenza coronavirus crescono le brutte notizie ma aumentano anche storie di solidarietà.

Come quella dell’albergo ‘t Putje nel centro di Bruges, in Belgio, che ha aperto le porte ai senzatetto della città.

In Belgio, come in molti altri paesi, i casi di contagio sono in aumento e il governo ha disposto limitazioni agli spostamenti dei cittadini, come è avvenuto in Italia.

Le persone devono dunque rimanere a casa e possono uscire solo per recarsi al lavoro, fare la spesa o per motivi di salute. Non tutti però hanno una casa dove rifugiarsi per difendersi dalla possibilità di contrarre il virus.

Poiché il turismo è fermo e le stanze degli alberghi sono vuote, Tina Wijns, direttrice della struttura, ha deciso di mettere a disposizione le camere dell’albergo e, attualmente, 18 delle 37 stanze sono occupate da chi non ha una casa.

L’iniziativa è nata in collaborazione con l’associazione ‘t Sas, che dispone di 10 posti letto, cui si aggiungono quelli delle stanze dell’hotel ‘t Putje.

“Diamo un letto a queste persone. Possono fare il bagno. Al mattino diamo loro il caffè”, ha spiegato Wijns a VRT News.

Nell’hotel sono rimasti tre dipendenti ad alternarsi per offrire i servizi di reception e di pulizie. Tina Wijins, che lavora nel settore alberghiero da circa 46 anni, assicura di non aver mai avuto clienti più grati e rispettosi. I senzatetto lasciano le loro stanze pulite e in ordine, molto più dei visitatori che normalmente vengono ospitati nella struttura.

Fonti di riferimento: VRT NWS/ANSA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook