Rubano 100 panettoni e pandori nella pizzeria dei ragazzi autistici e scatta la gara di solidarietà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Erano destinati alla vendita per raccogliere fondi e invece nottetempo qualche furbo ha pensato bene di appropriarsene: un centinaio tra panettoni e pandori, proprio quelli che sarebbero stati venduti per finanziare l’apertura di PizzAut, la prima pizzeria italiana gestita da persone autistiche, sono stati trafugati.

Tutto è accaduto nell’abitazione dell’ideatore e anima di PizzAut, Nico Acampora, a Muggiò, nella serata del 17 dicembre “mentre – come scrive lui stesso – eravamo impegnati in una stupenda serata con i nostri ragazzi Speciali”.

Panettoni pizzAut

Si è infatti sfogato su Facebook Nico, padre a sua volta di un ragazzo autistico, che da mesi porta avanti questo bellissimo progetto che lo scopo di dare questi ragazzi la possibilità di lavorare e sviluppare una personale autonomia e che sarebbe dovuto sfociare il prossimo aprile, come vi avevamo raccontato, con l’apertura della pizzeria a Cassina dè Pecchi, nell’hinterland milanese.

Speriamo solo che chi si è reso protagonista di questo ignobile gesto lo abbia fatto perché aveva fame e che quei panettoni li mangi magari con i suoi familiari o la sua comunità… perché non credo riesca a rivenderli e ad incassare una grande cifra…mente per noi è sicuramente un danno importante in termini economici… chi ha derubato PizzAut forse ci ha portato via anche un po’ ingenuità e di fiducia nell’umanità…”.

Il progetto vive di fatto grazie al sostegno di piccoli donatori e questo furto provoca un danno notevole, stimato su circa 2.500 euro, contando anche i mancati guadagni e il fatto che comunque il fornitore andrà pagato.

Ma Nico e tutto il suo gruppo non si arrendono certo così e già ieri sera si è tenuta una delle serate organizzate da PizzAut, durante la quale i ragazzi hanno cucinato per 150 persone riscuotendo un grande successo e incassando la solidarietà di tante persone.

Già sui sociale è partito un tam tam: “Qualcuno per aiutarci ha persino lanciato l’originale iniziativa ‘Acquistiamo il panettone che non c’è’, proponendo a ogni aderente di donare al nostro progetto la somma equivalente al costo di uno dei dolci che non possiamo più vendere […]. E poi proprio oggi abbiamo ricevuto una notizia meravigliosa: abbiamo vinto un bando di Fondazione Cariplo, che finanzierà l’accademia di PizzAut, per formare nuovi pizzaioli da inserire nel nostro locale e non solo”.

E allora, quello di cui hanno bisogno ora Nico e tutti i suoi ragazzi Speciali è un sorriso e la dimostrazione che un mondo migliore, bello e solidale, rimane accanto a loro. Chi vuole acquistare un panettone che non c’è può farlo con una piccola donazione su www.pizzaut.it

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Carnitina

Benefici, controindicazioni e quando è consigliato assumerla

Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook