Roger Waters ha riportato a questa mamma i figli rapiti per combattere in Siria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Roger Waters, star dei Pink Floyd, nella sua vita ha fatto molto parlare di sé ma oggi il suo nome non è accostato a concerti sold out, a canzoni memorabili.

Waters ha involontariamente mostrato al mondo un lato di sé poco noto. A bordo del suo jet privato, il frontman ha permesso a una donna di riabbracciare i due figli, rapiti e portati in Siria dal padre.

Una storia che mette in secondo piano le speculazioni su politica, religione e fondamentalismo. È una storia di umanità, di generosità e di apertura verso il prossimo quella che ha visto come protagonista il frontman dei Pink Floyd.

La rockstar ha portato Felicia Perkins-Ferreira, da Trinidad e Tobago, al confine tra Iraq e Siria per incontrare i suoi figli Ayyub, di 7 anni e Mahmud, di 11 che non vedeva dal 2014. Quell’anno il padre, Abebe Oboi Ferreira, li portò via da lei, dopo essersi arruolato con lo Stato islamico.

L’uomo morì poi in combattimento a Raqqa nel 2017. I bambini, rimasti soli, furono abbandonati sul ciglio della strada dalla nuova matrigna. I piccoli hanno trascorso gli ultimi mesi in un campo per le famiglie dei combattenti a nord della Siria.

felicia perkins ferreira

Felicia aveva avuto solo sporadici contatti con i figli, nonostante i disperativi tentativi di riabbracciarli. Ma l’avvocato e attivista per i diritti Clive Stafford-Smith, amico intimo di Roger Waters, venuto a conoscenza della storia dei bambini ha rintracciato la madre e si è messo in moto per ricongiungerli. A quel punto ha contattato Waters, che si è subito interessato alla loro situazione.

Stafford-Smith ha spiegato: “Waters ha accettato di pagare per tutto e ha portato la madre da Trinidad. Faremo in modo che abbiano una nuova vita”.

bambini waters2

Waters non ci ha pensato su due volte: ha messo a disposizione il proprio aereo privato per portare la mamma da Trinidad alla Siria, poi ha riportato tutti in Svizzera, dopo aver attraversato il più sicuro territorio curdo-iracheno. Ma non solo. Con un articolo su un giornale locale ha cercato di fare pressione sulle autorità di Trinidad affinché i bambini potessero ottenere i documenti e tornare a casa con la madre.

Bring the boys back home” non è più solo una canzone.

Bravo Roger!

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook