©Facebook/Die Lego-Oma Rita Ebel

Rita Ebel, la “nonna” tedesca che costruisce rampe per i disabili coi Lego

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Rita Ebel. La sua vita è cambiata 25 anni fa quando dopo un incidente in auto ha perso l’uso delle gambe. Ma questa donna tedesca, di fronte a una difficoltà così grande, non si è data per vinta. Davanti a sé purtroppo ha trovato un mondo fatto di barriere architettoniche, così ha deciso di combatterle…coi Lego.

Oggi Rita ha 62 anni e l’età non le ha di certo tolto la voglia di giocare. Nella sua città, Hanaum, in Germania per far fronte a negozi e caffè inaccessibili ha ideato una soluzione low-tech e divertente: le rampe fatte di Lego.

 “Per me si tratta solo di cercare di sensibilizzare un po’ il mondo sugli spostamenti senza barriere”, ha detto Rita. “Chiunque potrebbe improvvisamente finire su una sedia a rotelle, come è successo a me”.

Aiutata dal marito, la donna trascorre spesso dalle 2 alle 3 ore al giorno a costruire le rampe su ordinazione, realizzate rigorosamente coi LEGO ma tenuti insieme dalla colla. I colori vivaci dei celebri mattoncini risaltano ormai in molte altre città. E gran parte dei LEGO che utilizza sono donati.

 “Nessuno si limita a passare davanti a una rampa Lego senza dare un’occhiata. Che si tratti di bambini che cercano di tirare fuori i mattoncini o di adulti che tirano fuori i loro telefoni cellulari per scattare foto”, ha detto Rita.

Anche le imprese locali sono entusiaste.

“È un’idea brillante”, ha detto Malika El Harti, che ha ottenuto una rampa per il suo salone da parrucchiere. “Tutti quelli che passano davanti sono contenti delle rampe. Finalmente puoi vedere da lontano che puoi entrare qui senza problemi. “

Per Rita, la sfida più grande è quella di reperire i fondi per acquistare i LEGO ma è aiutata anche dalle donazioni. Grazie a lei sempre più citta, non solo in Germania, si stanno dotando di rampe LEGO. Un tocco di colore che da una parte ha il merito di rendere più facile la vita di chi ha una disabilità, garantendone gli spostamenti in autonomia, dall’altra lancia un messaggio forte, richiamando l’attenzione sull’importanza di ridurre le barriere architettoniche.

Ecco alcune delle sue creazioni:

L’idea di Rita sta prendendo piede anche all’estero. Questa nonna speciale ha già inviato le istruzioni per la costruzione di rampe in Austria e Svizzera e anche da una scuola americana è arrivata una richiesta di aiuto.

I LEGO e la voglia di superare le difficoltà possono davvero contribuire a cambiare il mondo.

Fonti di riferimento: Reuters, Facebook/dielegooma

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook