Pasquale, il 92enne ex minatore che percorre ogni giorno 60 km per sedersi in riva al mare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ha trascorso la sua vita in miniera, al buio, a 900 metri di profondità. Oggi Pasquale ha 92 anni e da quando è in pensione non passa giorno in cui non vada al mare. Guida per 60 km solo per ammirare quella magica distesa blu che gli regala serenità.

Con la sua sediolina di legno si siede sul bagnasciuga, non importa che sia inverno o estate. La sua storia, semplice ma commovente, ha emozionato il web.

Partito dopo la guerra, Pasquale ha passato la sua vita a lavorare in una miniera di carbone in Belgio, ma anche come cameriere nei ristoranti e nei campi, come contadino.

I suoi 33.580 giorni di vita sono stati intensi, faticosi, privi di riposo. Ma oggi l’uomo è tornato a vivere in Abruzzo e ogni mattina si reca a Giulianova da Poggio San Vittorino, in provincia di Teramo, per assaporare la bellezza del mare.

Trascorre lì qualche ora, poi risale in auto e fa ritorno a casa, carico di energia e del senso di serenità che solo una distesa blu può dare.

La sua presenza fissa non è passata inosservata ai residenti di Giulianova e neanche al giornalista Francesco Marcozzi che ha chiesto a Pasquale di raccontargli la storia della sua vita.

Cappello in testa, sguardo fisso verso l’orizzonte, col sole ad accarezzargli il volto e l’aria salmastra che gli riempie le narici, l’uomo non manca mai. Piazza la sua sedia sulla battigia e osserva le onde del mare.

La sua immagine romantica, pubblicata sulla pagina Facebook “L’abruzzese fuori sede”, ha ricevuto migliaia e migliaia di clic dai nostalgici della propria terra, emigrati altrove.

Nonostante gli anni, Pasquale è in salute e il segreto a suo dire è: niente fumo, niente alcol, tanto cibo! E sicuramente la presenza del mare.

“Il Vecchio e il mare” esiste davvero e vive in Italia…

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook