Papa Francesco dona uno scooter elettrico a una coppia di anziani disabili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cosa hanno in comune il Papa e uno scooter elettrico? Più volte ci è capitato di menzionare Papa Francesco e più volte il suo spirito caritatevole, ambientalista e decisamente al passo coi tempi ci ha colpiti. Ora il Pontefice ha trovato un altro modo per dimostrarsi ancora una volta vicino alle persone più comuni e meno fortunate. Regalare uno scooter.

Venuto a conoscenza della storia di una coppia di anziani coniugi disabili, Papa Francesco ha infatti donato loro uno scooter elettrico per potersi muovere autonomamente. I due anziani disabili sono sostenuti e curati dall’associazione “Medicina Solidale” nel quartiere romano di Tor Bella Monaca e lo scooter è stato consegnato in questi giorni da mons. Konrad Krajewski, Elemosiniere del Pontefice.

Da tempofanno sapere dalla Onlus – i due coniugi erano costretti a vivere relegati nella loro abitazione perché diabetici e ipertesi. Alla donna recentemente era stata amputata una gamba”. Medicina Solidale stava proprio per fare partire una campagna di solidarietà per raccogliere fondi a favore dei due anziani e per risolvere il problema dei loro spostamenti, ma “il Papa ha anticipato tutti e ha esaudito il desiderio di questa coppia romana”.

LEGGI anche: PAPA FRANCESCO SFIDA I NEGAZIONISTI USA: NO ALLO SFRUTTAMENTO DEL PIANETA

Il Pontefice – spiega Lucia Ercoli, direttore di Medicina Solidale – non finisce mai di stupirci grazie anche alla vicinanza di mons. Konrad e dopo le medicine, gli alimenti, l’ambulanza, ora ci ha fatto arrivare questo speciale scooter“. “In questo modo – aggiunge la Ercoli – ci sentiamo meno soli nel nostro lavoro quotidiano, abbandonati dalle istituzioni, ma con il Papa vicino e sempre presente”.

LEGGI anche: ENCICLICA SULL’AMBIENTE: 5 COMANDAMENTI GREEN DI PAPA FRANCESCO (IL TESTO DI #LAUDATOSI)

Papa Francesco, quindi, ancora una volta si mostra particolarmente sensibile al prossimo e desideroso soprattutto di creare un filo diretto e un rapporto uno a uno con chi è in estrema difficoltà. Non ci sono ruoli che tengano e il suo è un esempio lampante: se qualcuno ha bisogno di una mano, non essere pigro e non aspettare che qualcun altro se ne prenda cura. Questa persona potrebbe anche non arrivare mai e tu, invece, hai l’occasione buona per rendere il prossimo tuo un pochino più felice.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook