Orto Felice: a Siena gli anziani insegnano ai ragazzi con disabilità come coltivare i campi

orto felice siena

Un bellissimo progetto di inclusione sociale tra le colline senesi, dove si impara a crescere in una comunità e a rispettare le esigenze altrui. Siamo a Castelnuovo Berardenga, in provincia di Siena, dove un’azienda agricola ha dato vita a un progetto davvero speciale, grazie al quale le persone più anziane insegnano come si lavora nell’orto e con gli animali a un gruppo di ragazzi con la sindrome di Down e autistici.

È “Orto Felice”, nato 6 anni or sono attraverso un bando della Regione Toscana, un vero e proprio giardino sociale che coinvolge insieme gli anziani residenti della zona e alcuni giovani diversamente abili.

Il programma rientra nel più ampio progetto L’orto e l’aia nel Borgo”, un campo dove i “ragazzi speciali”, aiutati da Sonia Belluardo, coltivano ortaggi del territorio prendendosi cura dei prodotti in base alla loro stagionalità. E non solo, il progetto di agricoltura sociale è anche l’occasione per inserire lavorativamente i giovani con disabilità grazie all’aiuto di un gruppo di anziani dell’Associazione della Terza Età, che a turno vanno a dare una mano e a insegnare i segreti dell’orto.

Biologici e a km zero, tutti i prodotti coltivati – ma anche marmellate e conserve – vengono poi usati direttamente nei ristoranti del luogo o vengono venduti sul territorio.

Abbiamo girato i bar di Castelnuovo e abbiamo chiesto agli anziani del paese se avessero voglia di diventare maestri della terra, di insegnare ai ragazzi come si zappa, come si innaffia, come si coltivano le erbe aromatiche, l’insalata e le altre verdure”, racconta il presidente di San Felice Mario Cuccia.

E così è stato: pian piano si è creato tra chi impara e chi insegna un rapporto unico in cui si trasmettono conoscenze e tradizione centenarie, si impara l’arte della pazienza e della memoria, si conserva la propria identità e ci sia apre al mondo di chi si ha accanto.

orto felice siena

L’orto felice adesso occupa 2.500 metri quadrati, è dotato di una nuova serra ed è inserito nel progetto “Aia Felice” dove i ragazzi, guidati sempre dai “nonni”, si prendono anche di un pollaio di 40 galline ovaiole. In più sono arrivate anche le capre, impiegate per la pet therapy.

Una bellissima idea di condivisione, insomma, in cui non solo i ragazzi con disabilità ma anche gli anziani, spesso lasciati soli, riescono a rendersi utili e a ricominciare a sorridere della vita.

Leggi anche:

Germana Carillo

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Decathlon

Hai una bici usata? Torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

tuvali
seguici su Facebook