Marina, trasforma il furgone in una tiny house per viaggiare in tutto il mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non si sentiva soddisfatta del suo lavoro d’ufficio e ha deciso di cambiare vita per realizzare il suo sogno: viaggiare in tutto il mondo con il suo cane Odie.

L’italiana Marina Piro ha venticinque anni, vive nel Regno Unito e ha trasformato da sola una cinque porte in una casa mobile.

Con appena 500 dollari ha realizzato una tiny house in un furgone, con tanto di letto, tende, angolo cottura e luci .

Non a caso l’ha ribattezzata Pam II Van.

LEGGI anche: LO STUDENTE CHE SI COSTRUISCE UNA TINY HOUSE PER NON INDEBITARSI CON LE BANCHE E RISPARMIARE SULL’AFFITTO

marina piro

Da allora Marina, Odie e Pam vanno in giro a scoprire le bellezze del mondo. Ma non è stata solo la noia e l’insoddisfazione quotidiana a spingere la donna a cambiare vita, quanto la voglia di allontanarsi dal materialismo e dal consumismo di una vita adagiata.

marina piro van restoration7
marina piro2

“Ci sono tante comunità, famiglie e persone che lavorano duro per contribuire a un mondo migliore. Ho deciso che volevo farlo anch’io, imparando a vivere una vita in sintonia con la terra e i suoi abitanti”, spiega Marina nel suo blog.

LEGGI anche: ECCO LA BELLISSIMA TINY HOUSE COSTRUITA DA UNA DICIOTTENNE PER UN PROGETTO SCOLASTICO (FOTO E VIDEO)

Per evitare di dover trovare un posto per dormire ogni notte e di conseguenza spendere una fortuna, ha trasformato un furgoncino in un ambiente comodo che ospita lei e Odie.

marina piro3
marina piro van restoration21

Durante i suoi viaggi cerca dei lavoretti occasionali o lavora da remoto, così da potersi permettere di continuare la vita da girovaga. La sua storia, come spiega lei stessa, vuole essere anche un monito per tutte le donne.

“Finora non sono riuscita a trovare una donna che fa tutto da sola, dietro c’è sempre qualche uomo. Mi piacerebbe che ognuna prendesse consapevolezza della propria forza, nessuno è incapace”, dice.

I conti Marina li ha dovuti fare anche con tanti commenti da parte di uomini.

“Molti hanno messo in dubbio il fatto che fossi stata io a trasformare il furgone in una casa o ancora mi danno dell’incosciente perché secondo loro viaggio da sola mettendo in pericolo la mia vita. Io sono dell’opinione che se un uomo può farlo perché non dovrebbe farlo anche una donna?”.

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook