Il prof di Harvard che ha scelto di insegnare in un paesino con solo 5 studenti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il suo nome è Alberto Toro, ha 39 anni ed è un insegnante formatosi ad Harvard che ha deciso, a un certo punto della sua vita, di trasferirsi in un piccolo e sperduto villaggio spagnolo del Maestrazgo, Pitarque, popolato da poco più di 30 abitanti e difficilmente raggiungibile persino con il GPS. Non per questo ha rinunciato alla sua vocazione all’insegnamento, tutt’altro: qui Alberto forma cittadini e non dipendenti.

Il suo metodo di insegnamento è infatti diverso da quello a cui siamo abituati. I suoi studenti, che si contano sulle dita di una mano, guardano documentari, fanno gite nella boscaglia, attività all’aria aperta, giocano, creano libri e vengono qualificati con i livelli principiante, professionista ed esperto, anziché con i classici voti.

L’aula è una specie di soppalco-bazar con tanto di zona relax e vicolo pieno di graffiti. I vantaggi di una scuola così piccola sono molteplici secondo quanto dichiara Alberto a El Mundo, per esempio la possibilità di dedicare maggior tempo a ogni singolo studente, l’ambiente naturale circostante, l’interazione con tutta la comunità che insegna a sua volta, la conoscenza più stretta dei bambini e delle loro storie.

Non manca ovviamente la parte dedicata allo studio ma Alberto non crede nella cosiddetta “memorizzazione bulimica”, come ha dichiarato nell’intervista a “El Mundo“, preferisce puntare sulla comprensione delle materie, che è tutt’altra cosa.

Chi sono i suoi alunni? Come dicevamo, si contano sulle dita di una mano e si chiamano Begoña, 13enne figlia di un contadino, Eloy, figlio di un pastore e della proprietaria di una locanda, Ismael, figlio di immigrati marocchini che gestiscono un ostello situato a cinque chilometri da Pitarque, il fratello Achraf e infine Youssef, il cui padre lavora nella scuola materna locale. Tutti con un destino meraviglioso, secondo Alberto, che in ognuno di loro vede preziosi talenti.

Il problema è che se gli studenti dovessero finire, la scuola di Alberto sarebbe destinata a chiudere e come dice lui, quando una scuola chiude la città è morta. Perché se c’è una cosa che fa vivere i paesi è proprio la voce dei bambini. Speriamo che possa proseguire nella sua “missione” educando nuovi cittadini pieni di speranza!

Ti potrebbe interessare anche:

Metodo Feuestein: principi ed esempi pratici di come sviluppa l’intelligenza del bimbo

Metodo Montessori: 10 consigli per liberare il potenziale di tuo figlio

 

Laura De Rosa

Fonte El Mundo e Photo Credit YouTube

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook