Questa infermiera ha adottato due gemelli abbandonati perché affetti da una grave malattia genetica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo aver scoperto che due bambini gemelli erano stati abbandonati nell’ospedale dove lavora come infermiera, Linda Pfeiffer, 58 anni, ha deciso di adottarli e portarli a casa.

Matthew e Marshall sono nati con una rara malattia genetica, la Sindrome di Pfeiffer che colpisce circa un bambino ogni 100.000 nascite. Questa provoca una chiusura prematura del cranio oltre che problemi allo sviluppo di mani e gambe e disturbi alla vista.

Da quando sono nati, i due gemellini hanno subito già tre interventi chirurgici utili ad allargare il cranio in modo che il cervello avesse spazio per crescere.

Sensibilizzata dalla difficile situazione dei bambini, Linda si è iscritta alla lista dei candidati come madre adottiva. È stata poi contattata da un assistente sociale che ha chiesto se le sarebbe piaciuto adottare solo uno dei gemelli ma lei si è rifiutata di separarli e si è proposta di adottarli entrambi.

“Quando li ho visti per la prima volta ho trovato i bambini adorabili! Avevano quelle grandi teste e piccoli corpi, del peso di soli 3 chili ciascuno. Avevano le dimensioni di un neonato, ma gran parte del peso era sulla testa. Mi sono innamorata di loro non appena li ho visti, ho saputo nel mio cuore che erano i miei ragazzi “, ha dichiarato la dolcissima mamma adottiva in un’intervista

gemelli-malati

twins-malati

E ha poi aggiunto:

“È un duro lavoro prendersi cura di loro, ma è anche molto divertente. Sono molto felici e sorridenti. Ogni volta che uno dei gemelli inizia a sorridere, anche l’altro ride automaticamente”

Linda ovviamente è molto facilitata nell’assistenza a questi bambini speciali vista la sua esperienza di infermiera. Grazie al suo background, può prendersi cura di loro senza grossi problemi ed è stata davvero la scelta migliore per i piccoli.

L’infermiera ha già tre figli biologici e tre nipoti e nonostante sia evidente il valore del suo gesto nei confronti di questi bambini sfortunati, c’è stato chi l’ha criticata per averli adottati a 58 anni.

A loro però ha risposto per le rime:

“Non me ne importa. I miei amici e la mia famiglia dicono che dovrei pensare di andare in pensione e riposare. Ma voglio stare con loro, dare loro una buona qualità di vita mi dà molta gioia”

Una bellissima storia di amore materno che supera malattie, discriminazioni e presunti “problemi” d’età!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook