Agricoltura, la giovane imprenditrice siciliana Giulia Giuffrè ha vinto il “Nobel” italiano della sostenibilità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Giulia Giuffrè, responsabile per la sostenibilità dell’azienda siciliana Irritec, è la vincitrice del Global Compact Network Italy SDG Pioneer 2020, il prestigioso premio considerato il Nobel italiano dell’imprenditoria verde.

Ad essere premiato è innanzitutto il suo eccezionale impegno nella gestione efficiente delle risorse idriche, attraverso metodi come l’irrigazione a goccia, sempre nell’ottica del perseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Giulia Giuffrè è stata anche coordinatrice di Agri-Lab, un “laboratorio itinerante” ideato per i Paesi in via di sviluppo con lo scopo di promuovere la cultura del risparmio idrico in agricoltura.

Ma non solo. La vincitrice del SDG Pioneer 2020 è particolarmente impegnata nella promozione dell’imprenditoria femminile. Fa parte dell’associazione “Donne dell’Ortofrutta” e si è aggiudicata titolo “DonnaAttiva2020” per la “capacità di coniugare l’etica del lavoro e le solide tradizioni familiari all’innovazione tecnologica quale volano di sviluppo per l’intero territorio e co-fautore del benessere sociale”.

“Siamo molto lieti che la qualificata Giuria abbia individuato Giulia come l’SDG Pioneer 2020 per l’Italia. – con queste parole Marco Frey, Presidente del Global Compact Network Italia, ha commentato l’assegnazione del riconoscimento. − Anche quest’anno una giovane donna si distingue per l’impegno e l’energia che dedica, insieme alla sua azienda, al perseguimento dell’Agenda 2030 ed in particolare nella gestione efficiente delle risorse idriche, che sappiamo essere una delle principali sfide che siamo chiamati ad affrontare, in particolare nei Paesi in via di sviluppo. Ci auguriamo che questo riconoscimento le dia ancora più motivazioni per diffondere in Italia e nel Mondo la cultura dell’innovazione sostenibile, con prodotti sempre più efficienti, durevoli e circolari.”

Nell’accogliere l’importante premio l’imprenditrice Giulia Giuffrè ha dichiarato:

“Ispirati da una missione che ha radici profonde, attraverso l’irrigazione di precisione scendiamo in campo per un ecosistema virtuoso, condividendo un modello di agricoltura sostenibile. Il nostro impegno ci ha portato ad aderire al programma Global Compact delle Nazioni Unite, che ci permette di essere parte di un network internazionale con il quale condividiamo esperienze e progettualità. Insieme possiamo perseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile, tutelando le risorse, il pianeta e la qualità della vita delle persone.”

 

Il concorso SDG Pioneers rientra nella più ampia campagna Global Compact “Making Global Goals Local Business” per l’avanzamento dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Come vincitrice del round nazionale, a partire dal prossimo gennaio Giulia Giuffrè parteciperà, insieme ad altri candidati da tutto il mondo, alla competizione globale per il titolo di UN Global Compact SDG Pioneer 2020. La premiazione internazionale dovrebbe avvenire in presenza il prossimo luglio, durante il Leaders Summit UNGC.

Fonte: Global Compact Network Italy/Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook