Food Not Bombs e la rivoluzione della carota. Come combattere le ingiustizie con il cibo vegan

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Combattere la guerra, la povertà e la distruzione dell’ambiente con una carota? Cose da pazzi, direte voi. E invece no: è proprio questa la filosofia e la ragione di vita di Food Not Bombs, un movimento nato negli Stati Uniti nel 1980 per combattere gli sprechi alimentari attraverso un’azione diretta, nonviolenta e pacifista per cambiare la società in cui viviamo e ribadire che il cibo è un diritto e non un privilegio.

Oggi, a distanza di oltre 30 anni, Food Not Bombs si è fatto strada in tutto il mondo e recupera per gli indigenti cibo vegetariano o vegano in oltre 1.000 città grazie a centinaia di gruppi autonomi, che si vedono costretti ancora a chiedersi, con oltre un miliardo di persone che soffrono la fame ogni giorno, come sia possibile spendere anche solo un centesimo nella guerra. Non a caso, il simbolo del movimento è un pugno chiuso e levato verso l´alto, che stringe una carota.

Ma Food Not Bombs ci tiene a sottolineare di non essere un ente di beneficenza, anche se migliaia di volontari hanno lavorato incessantemente per porre fine alla fame, alla globalizzazione dell’economia, alle restrizioni ai movimenti delle persone, allo sfruttamento e alla distruzione della terra e dei suoi esseri, animali compresi. L’obiettivo è quello di limitare il potere dell’economia liberistae del capitalismo, denunciando emarginazione e povertà.

food not bombs

Tutto ebbe inizio a Cambridge, Massachusetts, nel 1980 per opera di attivisti anti-nucleari. Non c’erano capi formali, come non ce ne sono tutt’ora, e ci si sforzava di includere tutti nei processi decisionali. I ragazzi recuperavano cibo che altrimenti sarebbe andato buttato e serviva piatti vegan in spazi pubblici, a chiunque e senza restrizioni. Molti gruppi, oggi, condividono anche altri generi alimentari e organizzano iniziative di vario tipo a sostegno delle loro comunità.

E in Italia? Stando a quanto riporta il sito www.foodnotbombs.net, sono diversi i gruppi attivi lungo lo stivale, da Genova a Torino, passando per La Spezia (qui l’elenco diviso per città). Ma se nessuno si è ancora organizzato nel tuo territorio e hai voglia di diffondere la filosofia del movimento, Food Not Bombs mette a disposizione un libricino che rappresenta un incitamento all´opera di distribuzione di cibo gratuito e fornisce i consigli necessari per svolgere al meglio questa attività: dall’organizzazione di un punto di ristoro alle attrezzature utilizzare, passando per il tipo di pasti da preparare e il reperimento dei cibi. L’autore è Keith McHenry, co-fondatore del movimento.

Per leggere il libro clicca qui

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Chi sono i Freegan?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook