Whanganui, il fiume sacro dei maori sarà tutelato come una persona

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il fiume Whanganui, già considerato sacro dal popolo maori, è adesso il primo corso d’acqua al mondo, ad aver ottenuto una personalità giuridica protetta da rappresentanti legali. Danneggiarlo equivarrà a ferire i maori.

Il fiume Whanganui, si trova in Nuova Zelanda e scorre per oltre 145 chilometri dall’Isola del Nord fino al mare, dopo 170 anni di battaglie legali è oggi tutelato per la sua ‘salute’ al pari di una persona.

Ovviamente non potendosi difendere, sarà il popolo maori a rivendicarne i diritti, Nello specifico, il fiume sarà rappresentato congiuntamente da un membro della comunità maori e uno del governo.

“Da sempre consideriamo il fiume come un nostro antenato. Abbiamo combattuto affinché tutti potessero capire che, dalla nostra prospettiva, trattare il fiume come un essere vivente è il giusto modo di approcciarlo” ha spiegato Gerrard Albert, che ha condotto le negoziazioni per la tribù maori Whanganui Iwi.

LEGGI anche: I DUE SCIMPANZÉ USATI PER LA SPERIMENTAZIONE A CUI SONO STATI RICONOSCIUTI GLI STESSI DIRITTI DEGLI UMANI

fiume whanganui1

Una decisione a cui si è arrivati dopo una lunga contesa. La legge deriva, infatti, dal trattato di Waitangi, fu firmato nel 1840 da un rappresentante della corona inglese e da 40 capi delle tribù maori dell’Isola del Nord. Con questo trattato, oltre che la fine del conflitto tra maori e colonizzatori, veniva sancito il fatto che la Nuova Zelanda era una colonia inglese.

LEGGI anche: NUOVA ZELANDA: 5 POSTI DA NON PERDERE (FOTO)

Da qui una serie di protezioni per tutto ciò che era dei maori e veniva considerato sacro dagli stessi.

“Questa legge riconosce la profonda connessione spirituale fra il locale popolo Whanganui Iwi e il loro fiume ancestrale. Ne riconosce le tradizioni e usanze e crea una base solida per il futuro del fiume”, ha detto Christopher Finlayson, ministro per il trattato di Waitangi.

fiume whanganui2

Una bella vittoria per i maori che da tempo era preoccupati per la ‘salute e il benessere’ del fiume Whanganui, soprattutto per l’impatto dell’uomo. Adesso finalmente il fiume è un insieme indivisibile e vivente con tutti i suoi elementi fisici e spirituali, dalle montagne del centro dell’Isola del Nord fino al mare.

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook