Il fiorista francesce che ha portato tutti i fiori e le composizioni invendute sulle tombe dei defunti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche in Francia a causa del coronavirus molte attività sono chiuse, tra queste i fiorai. Che fine faranno allora tutte le piante rimaste invendute? C’è chi ha deciso di non gettarle via o farle appassire ma di portarle al cimitero locale per abbellire le tombe dei defunti.

Il giovane fiorista bretone di cui vi parliamo, Romain Banliat, si è trovato ad interrompere la propria attività secondo le disposizioni del governo francese che, per fronteggiare l’emergenza coronavirus limitando i contagi, ha previsto la chiusura di diversi negozi. Romain non può più vendere le sue composizioni floreali neppure  al mercato e dunque il suo lavoro è completamente fermo.

Nelle sue coltivazioni, però, la fioritura è proprio ora molto rigogliosa. Come ricorda infatti Romain al giornale francese 20 minutes:Il tempo si è fermato per noi, ma non per le piante”.

Cosa fare allora di tutti questi fiori belli e colorati ma che non si possono vendere? Invece di gettarli nella spazzatura, il giovane fioraio ha deciso di caricarli sul suo furgoncino e di portarli al cimitero locale per abbellire le tombe dei defunti. 

Lo scopo era, non solo non gettare delle bellissime composizioni floreali, ma anche rendere servizio alle persone che, in isolamento, non possono recarsi al cimitero.

L’iniziativa, pubblicata sulla pagina Facebook della sua attività, ha subito riscosso un grande successo con oltre 260mila like e più di 76mila commenti.

Il giovane, che non si aspettava certo tutto questo riconoscimento, è rimasto particolarmente colpito da alcuni commenti. Uno soprattutto l’ha toccato nel profondo, quello di una signora che l’ha ringraziato per aver messo fiori sulla tomba di suo figlio.

Sicuramente queste persone non si dimenticheranno di lui e della sua attività quando questa emergenza sarà finita. Romain, come tanti altri lavoratori in questo periodo, rischia di perdere molte entrate e di fallire, considerando che, come lui stesso ha dichiarato, realizza il 70% del fatturato annuo proprio tra marzo e maggio.

Fonti: 20 minutes 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook