Destiny Watford, l’adolescente che ha impedito la costruzione di un inceneritore a Baltimora (FOTO e VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La sua storia è la dimostrazione che a volte, anche una singola persona può cambiare il destino di un’intera comunità.

Non a caso, il suo nome è proprio Destiny Watford, oggi giovane 20enne che in piena adolescenza, ha iniziato a combattere contro la costruzione di un inceneritore nel quartiere Curtis Bay di Baltimora, negli Stati Uniti.

E non solo ha vinto la sua battaglia, ma si è anche aggiudicata il Goldman Environmental Prize, il premio Nobel dell’ambiente, assegnato ogni anno a sei persone che si sono contraddistinte per l’impegno a difesa del Pianeta.

destiny watford3
Curtis Bay è una comunità industrializzata, un luogo in cui il rispetto per l’ambiente è stato per molto tempo messo da parte per fare spazio a raffinerie di petrolio, impianti chimici e di trattamento delle acque reflue.

Il tutto ai danni della salute degli abitanti con tassi di mortalità elevatissima causati dal cancro ai polmoni. Nonostante ciò, nel 2010, lo Stato aveva approvato il piano di costruzione del più grande inceneritore di rifiuti della nazione promettendo di portare energia pulita.

In realtà, l’impianto serviva per bruciare oltre 4mila tonnellate di spazzatura provenienti ogni giorno da tutte le comunità vicine. Il risultato sarebbe stato un inquinamento nell’atmosfera di piombo e mercurio a livelli altissimi.

destiny watford1
Ma lo Stato si è trovato davanti l’allora diciassettenne Destiny, che non voleva assolutamente che venisse costruito un inceneritore a meno di un miglio dal suo liceo.

È iniziata così la sua battaglia, che da personale è diventata pian piano comunitaria: hanno sposato la sua causa prima i compagni di classe e poi l’intera città.

destiny watford2

Dopo quattro anni di manifestazioni e proteste pubbliche, petizioni e la creazione di un comitato, Free Your Voice a favore della causa, il marzo scorso l’effetto è stato quello sperato, lo Stato ha interrotto la costruzione del termovalorizzatore a tempo indeterminato e 18 delle 22 organizzazioni locali che ne avrebbero tratto profitto, hanno deciso di investire in energia pulita.

E mentre il dipartimento dell’Ambiente di Maryland ha revocato i permessi, Destiny la più giovane vincitrice del Goldman Environmental Prize 2016, porta avanti il suo progetto quello di trasformare il cantiere in una proprietà agricola comunitaria che produca grazie ai pannelli solari.

Dominella Trunfio

Foto: Goldman Environmental Prize

LEGGI anche:

frecciaMAXIMA ACUÑA CHAUPE, LA CORAGGIOSA CONTADINA CHE LOTTA CONTRO LA PIÙ GRANDE MINIERA D’ORO DELL’AMERICA LATINA (FOTO E VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook