Coronavirus: alloggi gratuiti a Milano per medici e infermieri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Appartamenti offerti gratuitamente a medici e infermieri che arrivano a Milano per fronteggiare l’emergenza coronavirus. La solidarietà corre sul web, ecco le iniziative messe in campo per sostenere chi in questo momento deve allontanarsi da casa per preservare la propria famiglia oppure è un neo assunto.

Alloggi gratis con Airbnb

Iniziamo con Airbnb, piattaforma globale di viaggio, che propone per medici e infermieri, un’iniziativa per accogliere il personale ospedaliero che dovrà trasferirsi temporaneamente per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

“L’iniziativa Airbnb per medici e infermieri nasce con l’obiettivo di mettere in comunicazione in maniera semplice e diretta gli host che hanno espresso il desiderio di rendere disponibile senza compenso il proprio appartamento e il personale ospedaliero che potrà scegliere, in pochi minuti, l’alloggio più idoneo alle proprie esigenze”, scrive in una nota Airbnb.

Airbnb si farà carico dei costi dell’operazione consentendo anche la copertura delle spese correnti agli host. Per gestire le richieste, che potranno venir avanzate dai singoli operatori sanitari ma anche da parte delle strutture ospedaliere, la piattaforma collaborerà con l’associazione OspitaMI nella gestione del processo di prenotazione entrando direttamente in contatto con medici e infermieri che compileranno la richiesta online.

“Mettere a disposizione la propria casa in favore degli operatori sanitari è un modo semplice per dimostrare solidarietà nei confronti di chi è in prima linea per combattere l’emergenza e riteniamo doveroso offrire il nostro contributo, riconoscendo un rimborso agli host che apriranno le proprie abitazioni”, spiega Giacomo Trovato, Country Manager di Airbnb Italia.

Come funziona?

Medici, infermieri o strutture ospedaliere potranno inviare la propria richiesta attraverso il sito airbnb.it/medicieinfermieri. Tutti coloro che compileranno il questionario online con tutte le informazioni richieste verranno contattati dall’associazione OspitaMI, che li supporterà nell’identificazione della soluzione migliore e gestirà il processo di prenotazione. L’alloggio per il personale sanitario sarà completamente gratuito fino a due mesi di permanenza.

Per chi vuole offrire un alloggio, invece può candidarsi allo stesso indirizzo: airbnb.it/medicieinfermieri. Gli host Airbnb già attivi potranno in pochi click mettere a disposizione il proprio immobile. Gli host selezionati saranno contattati da OspitaMI che illustrerà loro il meccanismo per accedere al contributo di Airbnb.

Alloggi gratis con The Best Rent

Stessa iniziativa per The Best Rent, società che opera nel settore immobiliare ed è specializzata negli affitti a breve e medio-lungo periodo.

“Sono già circa un centinaio gli appartamenti disponibili, dato che decine di proprietari hanno deciso di aderire all’iniziativa, ciascuno con i propri mezzi e le proprie disponibilità” spiega Cristiano Berti, ceo e fondatore di The Best Rent.

Come funziona?

Medici e personale paramedico possono fare richiesta per gli alloggi contattando il numero 02.36683400 oppure scrivendo a [email protected], allegando una certificazione rilasciata dall’ospedale. L’iniziativa #iocimettolacasa sarà attiva fino al 3 aprile, con la possibilità di un’ulteriore proroga in caso l’emergenza dovesse protrarsi. Si può mettere a disposizione la propria casa tramite The Best Rent anche se non si appartiene ancora alla rete dei proprietari dell’azienda milanese, scrivendo a [email protected]

“In questo momento difficile per Milano e tutto il Paese, possiamo non essere semplici spettatori: ogni realtà, pubblica o privata, ha l’opportunità di agire con sensibilità e concretezza per dare il proprio contributo” conclude Cristiano Berti.

Ma non solo, anche cittadini privati stanno mettendo a disposizione camere e appartamenti vuoi in maniera gratuita, a dimostrazione che c’è tutta un’Italia solidale che si sta muovendo per far combattere insieme l’emergenza coronavirus.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook