Chen, l’agricoltore senza braccia che insegna come niente sia impossibile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vivere senza braccia, eppure riuscire a portare avanti una piccola fattoria e a prendersi cura di una madre ormai anziana e inferma contando solo sulle proprie forze: è la storia incredibile di Chen Xinyin che, con il suo esempio, insegna a tutti noi che forza di volontà e coraggio possono aiutare a superare la disabilità.

Accade a Tongxin, un villaggio piuttosto povero situato nel cuore della Cina. La vicenda, che negli ultimi giorni ha fatto il giro del mondo, grazie ad un servizio fotografico rimbalzato in rete e su diverse testate cinesi e internazionali, ha come protagonista un uomo di 48 anni, Chen Xinyin, disabile dall’età di sette, a causa di un potente shock elettrico che gli è costato entrambe le braccia.

Nonostante il proprio handicap, Chen Xinyin lavora da sempre nella piccola fattoria di famiglia: ha iniziato ad occuparsi del bestiame all’età di 14 anni e, giorno dopo giorno, ha dovuto imparare a fare a meno delle braccia e delle mani e a trovare “soluzioni” alternative.

Dopo la partenza dei fratelli, recatisi altrove per cercare fortuna, e la morte del padre, avvenuta ventotto anni fa, Chen Xinyin è rimasto da solo con la madre a gestire tutte le proprietà di famiglia.

Chen Xingyin 0002

Senza contare su aiuti esterni, oggi Chen Xinyin si occupa di semina, raccolto e cura dei terreni, oltre che di 24 pecore, 2 bufali e 4 galline: pur non avendo le mani, compie sistematicamente operazioni quali mietere il grano, sbucciare le pannocchie di mais e costruire cesti di paglia. La sua maggiore risorsa sono i piedi.

Chen Xingyin 0007

Chen Xingyin 0004

Con l’aiuto dei piedi prepara anche da mangiare, per sé e per la madre ormai novantunenne, che da qualche mese è paralizzata e che deve essere accudita e imboccata. Il figlio riesce ad alimentarla tenendo un cucchiaio tra i denti, con una dedizione che non può non commuovere, soprattutto se si pensa a quanto debba essere faticoso non poter contare sul supporto di braccia e mani e a quanta forza di volontà sia necessaria per “sostituirle” ogni volta con piedi, bocca e con altre parti del corpo.

Chen Xingyin 0005

Chen Xingyin 0003

Chen Xingyin 0006

E non mancano certo le difficoltà. Basti pensare che, per poter utilizzare i piedi nelle mansioni quotidiane, Chen Xinyin non può mai indossare scarpe e calzini e, nel corso dei mesi più freddi dell’anno, è affetto da geloni che rendono la sua routine ancora più complicata.

Ma si tratta difficoltà che non ha paura di affrontare e che ha ormai imparato a superare. Quando un vicino di casa gli ha suggerito di andare a mendicare in città, perché nelle sue condizioni potrebbe guadagnare molto di più di quello che fa lavorando, la sua risposta è stata categorica e sdegnata:

Non ho le braccia, ma ho i piedi buoni. Non posso fare quel genere di soldi.

E così, con coraggio e determinazione, Chen Xinyin continua a lavorare nella sua fattoria e a prendersi cura della madre malata, senza considerare la propria disabilità un ostacolo, ma una sfida da raccogliere ogni giorno.

Lisa Vagnozzi

Photo Credits

LEGGI anche

Genny Mobility: il Segway per i disabili, non chiamatelo sedia a rotelle (VIDEO)

Down Cafè: la caffetteria che dà lavoro ai ragazzi con la sindrome di Down

Rebekah, vittima della strage di Boston torna a correre con una protesi (FOTO)

In gondola con la sedia a rotelle: crowdfunding contro le barriere architettoniche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook