A Bologna apre la prima osteria in un carcere minorile

Brigata del Pratello

Si chiama “La Brigata del Pratello” ed è la prima osteria in Italia, situata a Bologna, che apre dentro un carcere minorile. L’inaugurazione è prevista per giovedì 10 ottobre quando le autorità cittadine invitate verranno servite dai ragazzi detenuti, in veste speciale di cuochi e camerieri.

L’iniziativa è stata promossa da Fomal, ente specializzato nella formazione professionale nell’ambito della ristorazione, insieme alla Regione Emilia Romagna e alla Fondazione Del Monte. Mentre è stato lo chef Mirko Gadignani a seguire i ragazzi nei preparativi.

In questo modo i giovani detenuti hanno seguito un percorso formativo che li aiuterà a sviluppare competenze utili a rientrare nel mondo del lavoro.

Perché come ha spiegato Beatrice Draghetti, presidente di Fomal, questi ragazzi, indipendentemente dal reato commesso, devono avere la possibilità di rifarsi una vita:

“È davvero impensabile che sulla loro vita sia scritta la parola fallimento.”

“Questo è un modo per dare una speranza e per dare un futuro”, ha aggiunto Giusella Finocchiaro, Presidente Fondazione Del Monte di Bologna e Ravenna.

E a proposito dell’esperienza, uno dei detenuti intervistati ha dichiarato:

“Questo progetto mi ha dato una seconda possibilità.”

Tra gli invitati all’inaugurazione si annoverano il sindaco Virginio Merola, l’arcivescovo Matteo Zuppi, il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

E se anche voi voleste sperimentare la cucina dell’osteria, la trovate nell’antico chiostro del carcere, in via Pratello 34. Da gennaio sarà possibile riservare il posto direttamente sul sito.

Che bella iniziativa!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Brigata del Pratello

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Decathlon

La bici usata? Portala da Decathlon: torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

tuvali
seguici su Facebook