Il bar in provincia di Roma che offre gratis un piatto di pasta a chi non ce la fa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando la solidarietà vince sulle polemiche e sulle disposizioni. Nel giorno in cui il Governo ha firmato il Dpcm con le nuove restrizioni per bar e ristoranti che hanno scatenato le proteste del settore – messo in ginocchio dalla chiusura preventivata alle 18.00 –  tra i vari post di insulti, chiamata alla mobitazione o di mera rassegnazione, ne spicca uno in cui a emergere sono, invece, generosità e umanità.

A farlo il titolare di un bar di Ciampino, in provincia di Roma, che sul suo profilo Facebook e sui gruppi cittadini ha postato questo semplice appello:

“Mi sono accorto che molte famiglie non riescono nemmeno a mangiare. Noi del bar “NON E’ KARYNO CAFFE” vorremmo aiutare queste persone con piatto di pasta caldo”

E se è vero che la solidarietà chiama altra solidarietà, dopo l’appello sono in tanti i cittadini  che hanno contattato Massimiliano per offrire gli ingredienti, passate di pomodoro e pasta, a sostegno della sua iniziativa.

“In questo momento storico di difficoltà è inutile starsi a piangere addosso, proviamo a pensare pure a chi sta peggio di noi anche solo con un semplice gesto, quale quello di offrire un piatto di pasta calda e un momento di convivialità”

Ci spiega il titolare, che aggiunge:

“Le persone fanno anche fatica ad ammettere la loro condizione in cui si sono ritrovate improvvisamente e per loro quel piatto di pasta non è facile neanche entrare e chiederlo, per questo sono io che, oltre a promuoverlo sui social, lo offo alle persone che entrano o che titubanti guardano il menù con la possibilità di sedersi e consumarlo in totale tranquillità”

Una bellissima iniziativa che va anche oltre il “pasto sospeso” perché in questo caso non c’è neanche bisogno che qualcun’altro paghi quel piatto di pasta, ma che, di certo, dimostra come anche nei momenti più bui la generosità e la solidarietà possono portare la luce e la speranza.

LEGGI anche:

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile e Co-Founder di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa di diversi settori. Appassionata di tecnologia e ambiente, ha tenuto corsi di scrittura per il web dedicati a giornalisti e studenti.
LCI

Come il giornale e la carta che butti diventano un nuovo materiale

Deceuninck

Nuova era delle finestre: con la ThermoFibra diventano 100% riciclabili

eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

eBay

Come guadagnare online con i LEGO e le carte da gioco

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook