Vigili del Fuoco salvano bambola precipitata dal terzo piano per restituirla al suo proprietario disabile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Domenica scorsa i Vigili del Fuoco Volontari di Joinville (SC) hanno ricevuto una richiesta d’aiuto davvero singolare: salvare una bambola di nome Nico. Era caduta dal terzo piano dell’edificio dove vive insieme al suo migliore amico, Sérgio da Silva.

Sérgio è un 49enne di Santa Caterina con disabilità intellettiva causata dalla mancanza di ossigeno nel cervello durante il parto, che gli ha bloccato la crescita mentale ai 6 anni di età. La bambola Nico gli era stata regalata dalla famiglia perché Sérgio ne era rimasto incantato dopo averla vista a casa della nipote di 8 anni.

Da allora Nico lo accompagna ovunque, sono inseparabili, e Sérgio la tratta come se fosse sua figlia, come ha spiegato sua sorella Solange:

“Ha vestiti e la cambia ogni giorno. Sérgio prende la bambola per lavarsi i denti quando si lava i suoi e festeggia il compleanno di Nico insieme ai suoi. Resta sempre con Nico, tranne quando va a lezione all’Apae. Quindi, dice alla bambola di essere carina e di fare un pisolino mentre è via”.

Considerato quanto è importante Nico per Sérgio, la famiglia ha deciso di contattare i Vigili del fuoco per recuperare la bambola che, durante la caduta, era finita sul tetto del garage dell’edificio e che, quindi, non poteva essere recuperata in autonomia. Anche perché nel frattempo, nonostante sua sorella avesse cercato di distrarlo, Sérgio continuava a disperarsi per la perdita:

Continuava ad andare sul balcone e guardare la bambola laggiù, e piangeva e parlava con lei. Non sapevamo cos’altro fare, tranne che chiamare i vigili del fuoco per aiutarci”.

Erano tutti convinti che i Vigili del Fuoco non avrebbero preso in considerazione la richiesta ma sorprendentemente Jaqueline Gonçalves del centro di emergenza ha compreso la situazione e ha deciso di intervenire.

Il pompiere José Custódio Farias ha dichiarato al riguardo:

“Quando ci hanno detto che era sdraiato su un tetto, ho immaginato che fosse in cima a una casa. Non capimmo nulla quando arrivammo ed era un edificio, fino a quando non vidi dove fosse la bambola. C’è un passaggio di circa tre metri e un altro di quattro metri di altezza. Poi c’era il tetto. Siamo saliti per vedere dov’era, ma non siamo riusciti a salire sul tetto perché non sapevamo com’era sotto, non era un tetto spesso”.

I vigili sono riusciti a recuperare la bambola con l’aiuto di un arco, gettandolo sul tetto e catturando, dopo diversi tentativi, Nico. Al rientro a casa, vedendola sul letto, Sérgio ha pianto di gioia, felicissimo di poterla riabbracciare.

Martedì i pompieri  sono tornati a visitarlo e Sérgio li ha ringraziati nuovamente per il prezioso aiuto promettendo che Nico d’ora in avanti se ne starà alla larga dai balconi. Una storia a lieto fine che, dopo la pubblicazione sui social da parte dei Vigili, è diventata virale in tutto il mondo.

FONTI: Facebook/ NSC Total

Ti potrebbe interessare anche:

10 piccoli gesti di solidarietà che stanno cambiando il mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook