A 5 anni cammina per 10 km con le sue nuove protesi e raccoglie 1 milione di sterline in beneficenza per medici e infermieri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Tony e ha solo 5 anni. Una storia sfortunata e crudele la sua ma che ora sta decisamente cambiando rotta. Grazie alla forza di questo bambino, che ha imparato a camminare su delle protesi, è stato possibile raccogliere 1 milione di sterline da donare all’ospedale dei bambini di Lambeth (Londra).

È riuscito in un’impresa in cui anche tanti adulti avrebbero fallito: raccogliere 1 milione di sterline dopo aver completato una passeggiata di beneficenza sulle sue nuove protesi per le gambe.

Ma partiamo dall’inizio: Tony Hudgell, cinque anni, ha perso entrambe le gambe dopo aver subito abusi fisici da parte dei suoi genitori biologici (attualmente in carcere) quando aveva solo 41 giorni. Le lesioni hanno portato a sepsi e insufficienza multipla di organi e le sue condizioni erano così gravi che è stato necessario amputare entrambi gli arti all’altezza del ginocchio.

Il coraggioso bambino, che da allora è stato adottato da genitori amorevoli, Paula e Mark, ha utilizzato il periodo di lockdown per imparare a camminare sui suoi nuovi arti protesici.

tony raccolta fondi 1

© Paula Hudgell

tony raccolta fondi 2

© Paula Hudgell

Ispirato ai recenti sforzi del capitano Tom Moore (dal quale ha preso spunto anche Mickey Nelson che ha festeggiato i suoi 100 anni camminando e raccogliendo fondi), Tony ha iniziato a trasformare la sua sfida personale in una raccolta di beneficenza.

Il piccolo ha iniziato raccogliendo 500 sterline camminando per 10 km in 30 giorni.

Ma il bambino ha poi continuato raggiungendo, tramite la raccolta fondi sul sito Just Giving, un obiettivo incredibile: l’incasso (ad oggi) di 1,241,906 di sterline da donare all’Evelina London Children’s Hospital di Lambeth (Borgo di Londra), l’ospedale che gli ha salvato la vita.

Tony raccolta fondi

© Paula Hudgell

Per celebrare il suo prezioso lavoro, Tony è stato onorato del premio Point of Light che viene assegnato a “singoli volontari eccezionali” per aver fatto la differenza all’interno delle loro comunità.

Tom Tugendhat che ha materialmente conferito il premio al piccolo ha dichiarato:

“Tony Hudgell è un’ispirazione per tutti. Ha catturato i cuori della nazione e la sua sfida gli ha permesso di condividere quanto sia speciale con tutti”

Paula, la mamma adottiva di Tony ha aggiunto:

“Questo dimostra che anche dopo un inizio sfortunato della vita, con l’amore e il sostegno giusti, un’enorme quantità di determinazione e un atteggiamento positivo si può avere successo e fare davvero la differenza”.

Fonte: BBC / Kent Online / justgiving.com

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook