‘More clay less plastic’: il movimento italiano che combatte la plastica con la terracotta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La plastica sta invadendo il nostro Pianeta danneggiando in modo grave gli ecosistemi. Trovare soluzioni per limitare il più possibile la produzione e l’uso di oggetti in plastica è sempre più urgente.

Anche per questo è nato il movimento “More clay less plastic” che punta a un ritorno all’uso dell’argilla per ridurre i rifiuti e l’inquinamento provocati dalla plastica.

Il movimento è nato in Italia ed è impegnato da diversi anni nell’organizzazione di seminari e laboratori, anche dedicati ai bambini, installazioni artistiche, eventi e iniziative che hanno lo scopo di sensibilizzare sull’inquinamento provocato dalla plastica e far conoscere alternative naturali a questo materiale dannoso.

Argille e ceramiche, ad esempio, sono materiali naturali e durevoli che fanno parte della storia e della tradizione di molte culture e con cui è possibile realizzare la maggior parte degli oggetti che utilizziamo ogni giorno e che oggi sono prodotti in plastica.
Il simbolo del movimento è proprio uno degli utensili più usati in cucina e generalmente realizzato in plastica, uno scolapasta.

Se anziché acquistare contenitori e attrezzi in plastica optassimo per manufatti in argilla, potremmo iniziare una piccola rivoluzione: oltre ad essere un materiale che dura nel tempo, se l’argilla è lavorata utilizzando smalti privi piombo, non rappresenta una fonte di inquinamento, nemmeno se abbandonata nell’ambiente.

Imbuto in ceramica

Lavorare e conservare gli alimenti in utensili e recipienti di argilla, poi, abbatte il rischio che il cibo venga a contatto con sostanze potenzialmente dannose per la nostra salute. Imballaggi e contenitori in plastica, al contrario, potrebbero rilasciare composti potenzialmente pericolosi in determinate condizioni.

More clay less plastic

Il movimento ha anche l’obiettivo di promuovere l’artigianato come mezzo per tornare a una dimensione più umana degli acquisti: gli oggetti realizzati a mano non sono solo cose, ma manufatti che racchiudono storie, antiche conoscenze e creatività.

L’ideatrice del movimento è Lauren Moreira, un’artista originaria del Parà, nell’Amazzonia brasiliana, che oggi vive in Italia. Lauren si è appassionata alla lavorazione dell’argilla già da bambina e ha sposato la causa ambientale quando ha visto le spiagge del suo paese invase da rifiuti in plastica.

Oggi, oltre a dedicarsi alla creazione di vasi, piatti e altri oggetti in argilla, lavora per far crescere il movimento “More clay, less plastic”, i cui membri possono incontrarsi virtualmente grazie a un gruppo Facebook molto attivo.

More clay less plastic

C’è però modo di incontrarsi anche nel mondo reale: proprio domani sarà inaugurata la mostra itinerante in cui saranno presentati numerosi oggetti funzionali realizzati dai ceramisti di tutto il mondo che aderiscono al movimento.

La mostra si terrà a Trento e rimarrà aperta per tutto il fine settimana per divulgare un solo messaggio molto semplice: più argilla e meno plastica.

Mostra more clay less plastic

Leggi anche:

Foto More clay less plastic

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook