pickering

Il 2010 che si è appena concluso verrà ricordato anche come un anno di piogge e alluvioni, che hanno interessato anche alcune regioni italiane, come il Veneto. A ben vedere, però, rileggendo le cronache degli ultimi anni, troviamo troppo spesso degli episodi analoghi, in cui la forza della natura, complici in molti casi l’edilizia selvaggia e il disboscamento indiscriminato, ha determinato danni ingenti, facendo anche delle vittime. Cosa fare quindi per proteggere le nostre città e le nostre abitazioni da una piaga che si ripresenta con una regolarità e una sistematicità impressionanti?

In primo luogo, è importante costruire nel rispetto delle leggi, dell’ambiente circostante e del buon senso. Quindi, bisognerebbe escogitare soluzioni durevoli e sostenibili. Un’interessante indicazione in questo senso ci viene dal Regno Unito: in Inghilterra e Galles, infatti, una casa su sei è a rischio alluvioni, tanto che il governo stanzia ogni anno milioni di sterline per attività di protezione e messa in sicurezza. In particolare, l’area della città di Pickering, nella regione settentrionale del North Yorkshire, viene periodicamente colpita da inondazioni disastrose, l’ultima delle quali si è verificata nel 2007.

Per prevenire i danni causati dall’acqua, nella zona di Pickering è stato inaugurato un progetto pilota, che puntafronteggiare il problema delle alluvioni con tecniche e strategie ispirate direttamente a Madre Natura. Il punto di partenza del progetto è una constatazione disarmante nella sua semplicità: gli insediamenti urbani troppo spesso stravolgono i paesaggi, eliminando anche quegli elementi naturali che potrebbero aiutare ad impedire o, quanto meno, a contenere esondazioni e alluvioni.

Una soluzione pratica, sostenibile e relativamente poco costosa (per le operazioni di messa in sicurezza dell’area di Pickering sono state stanziate 700 mila sterline, pari a poco più di 800 mila euro) è proprio quella di imitare la Natura, piantando alberi, deviando in modo non traumatico il corso dei torrenti e ricavando argini e piccole dighe dai detriti di legno, in modo da rinforzare il suolo, combattere l’erosione del terreno e contenere il più possibile la forze straripante delle acque, smorzandola prima che possa raggiungere il centro abitato.

www.pickering.uk.net

Il progetto pilota di Pickering è stato inaugurato nell’aprile del 2009, con la collaborazione di autorità locali e nazionali, dell’Università di Durham e dell’Autorità del Parco Nazionale del North York Moors. L’esperimento ha una durata di due anni e, se dovesse rivelarsi efficace, le stesse tecniche e strategie verranno estese ad altre aree critiche del Regno Unito.

A questo link trovate un servizio della BBC dello scorso ottobre che descrive il progetto e mostra le soluzioni adottate a Pickering.

Lisa Vagnozzi

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram