Questo bar di Ostia è interamente gestito da persone con disabilità

bar-disabilita-ostia

Da qualche giorno al bar del polo sociosanitario di Ostia, il caffè e la brioche, li preparano e li servono loro: ragazzi con disabilità. Una bellissima iniziativa che promuove l’autonomia delle persone e sostiene le famiglie.

Un bar interamente gestito da ragazzi con disabilità, è quello che si trova all’interno del polo sociosanitario, gestito da Anffas Ostia, l'associazione nazionale famiglie e persone con disabilità intellettiva e/o relazionale.

“Il bar sarà aperto ai ragazzi, alle famiglie, associati e lavoratori. Valorizzerà i tirocini promossi dalla nostra Agenzia Lavoro specializzata e offrirà nuove opportunità lavorative a ragazzi con disabilità, andando a completare gli importanti risultati ottenuti negli ultimi 5 anni in materia di politiche attive di inserimento lavorativo e opportunità reali per le persone con disabilità”, spiega Stefano Galloni, direttore generale di Anffas Ostia.


Durante l’inaugurazione si è parlato anche della legge 16 giugno 2016 sul ‘Dopo di Noi’, ovvero “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare”. Il testo contiene delle indicazioni per affrontare il futuro delle persone con disabilità gravi dopo la morte di parenti.

Genitori e non solo, che si chiedono: chi si prenderà cura del nostro caro quando non ci saremo più noi ad assisterlo? Ecco che il bar promuovendo l’autonomia diventa una risposta concreta a una necessità.

bar disabilita ostia

“Oggi forse ai nostri occhi può apparire qualcosa di naturale nel percorso di reale autonomia delle persone che abbiamo in cura e carico, ma forse ancora una volta le famiglie Anffas, i genitori, hanno dato un bel segno di civiltà e di innovazione a tutto il contesto sociale”, dice ancora Galloni.

Appena un mese fa vi avevamo parlato di un’iniziativa simile,nel cuore di Roma, a due passi da Piazza del Popolo, c’è un hotel gestito interamente da persone con disabilità. E’ l’Albergo etico aperto proprio il Natale scorso. C’è poi la locanda dei girasoli che è invece, un ristorante gestito da ragazzi con sindrome di Down.

Anche nel bar, ogni ragazzo e ragazza, ha la propria mansione che valorizza al meglio le sue competenze.

“Lo spirito che guida la Regione Lazio nell’elaborazione delle strategie è consentire a chiunque di conservare l’autonomia di vita nella propria abitazione e nel proprio ambiente familiare e sociale, elevando la qualità di vita ed evitando al contempo fenomeni di isolamento nonché di emarginazione sociale”, conclude l’assessore regionale alle politiche sociali Alessandra Troncarelli.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

corsi pagamento
seguici su facebook