donne-coraggiose-kruščica

Per oltre trecento giorni hanno fatto la guardia vicino al fiume al fine di evitare la costruzione di una diga in Bosnia Erzegovina e alla fine ce l’hanno fatta: le donne coraggiose di Kruščica hanno vinto una battaglia importante. La corte cantonale di Novi Travnik ha stabilito che il permesso ambientale per la costruzione di dighe sul fiume Kruščica deve essere annullato immediatamente, il che significa che ulteriori lavori di costruzione sono illegali.

Sono madri, mogli, figlie ma sono soprattutto donne coraggiose del villaggio di Kruščica che per 24 ore al giorno per 300 giorni hanno vigilato sul ponte di accesso al fiume per evitare la costruzione di una diga.

"Siamo felici che il tribunale abbia deciso di annullare il permesso ambientale. L'attenzione internazionale ha sicuramente aumentato la pressione e dato un contributo a questa decisione. Tuttavia, mentre celebriamo questa vittoria, rimaniamo vigili e continueremo a difendere il ponte poiché sappiamo che c'è ancora molta strada da fare per proteggere il nostro fiume e la nostra comunità dagli investitori delle dighe", spiega Tahira Mika Tibold, presidente della comunità locale di Kruščica.

Una prima vittoria è stata ottenuta, ma le donne di Kruščica chiedono adesso che il ministro Salkan Merdazani cancelli le due concessioni per la costruzione di dighe sul fiume che bagna il villaggio e porta lo stesso nome. Fino a quando questo non accadrà, promettono di continuare a presidiare il ponte nel caso in cui si decida di svolgere lavori di costruzione illegali.

 donne kruscica

ph. credits A. [email protected], Patagonia Inc

"Stiamo mandando un segnale molto chiaro al ministro e agli investitori che progettano centrali idroelettriche sul fiume Kruščica per porre fine alle concessioni e rinunciare a questo progetto, perché non ci arrenderemo e ora anche la giustizia è dalla nostra parte" dice Jelena Ivanic del Centro per l’Ambiente Bosnia & Herzegovina.

Negli ultimi anni, l’opinione pubblica e le mobilitazioni pacifiche hanno fatto tanto. Il cambiamento è possibile e può partire dalle persone. È cresciuta la consapevolezza che questo tipo di progetti avvantaggino solo uno stretto gruppo di individui, causando danni irreversibili alle comunità locali.

"Questa decisione mi conforta, le cose stanno finalmente andando nella giusta direzione. Abbiamo chiesto il permesso di partecipare all’udienza pubblica e questo è un passo importante per qualsiasi decisione futura, che vedrà una partecipazione adeguata e solida dei cittadini e degli ambientalisti ", chiarisce 'avvocato di Kruščica Bruno Božić.

Il racconto della lotta delle donne di Kruščica fa parte di un documentario, Blue Heart: tre storie di persone che combattono per proteggere gli ultimi fiumi selvaggi d'Europa dalla minaccia di 3mila dighe idroelettriche. Il documentario, prodotto da Patagonia, è stato presentato in anteprima a marzo 2018 e proiettato nelle sedi di tutta Europa, Giappone, Sud America e Australia.

donne coraggiose kruščica1

ph. credits A. [email protected], Patagonia Inc

Oltre al film, è stata lanciata una petizione globale che chiede alle banche internazionali di smettere di investire nella distruzione del Cuore Blu d'Europa, nella penisola balcanica. La petizione ha finora ottenuto oltre 110mila firme.

FIRMA QUI LA PETIZIONE

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Cover:ph. credits A. [email protected], Patagonia Inc

 

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram