antonio_vicente

Da quarant’anni a questa parte combatte contro i latifondisti brasiliani che abbattono le foreste per fare spazio a piantagioni redditizie. La lotta di Antonio Vicente inizia a dare i primi frutti.

Oggi ha 84 anni, ma il brasiliano Antonio Vicente ha trascorso gli ultimi quattro decenni della sua vita a piantare alberi con il sogno di ricostruire il paradiso verde e lussureggiante che ricordava da bambino.

Con i suoi sforzi quello che stava diventando un terreno depauperato è tornato ad essere una giungla di flora e fauna selvatica. Tutto inizia nel 1973, quando Vicente raccoglie la sfida di ripristinare ciò che era stato raso al suolo per fare spazio a piantagioni e pascoli.

Compra 31 ettari di terreno alla periferia di San Pablo, nella regione di San Paolo del Brasile, grazie ai fondi stanziati dal governo che incentivavano i cittadini a combattere la deforestazione. Il suo obiettivo ovviamente non era quello di rilanciare l’agricoltura nazionale, ma di ricreare un bosco.

antonio vicente2

“Piantare alberi è uno spreco di terra che non porta reddito. Se è pieno di alberi, non c’è spazio per le mucche o le colture”, queste le parole dei suoi vicini di casa, tutti allevatori o agricoltori.

A Vicente però poco importa, lui continua per la sua strada pensando che la deforestazione sia uno dei mali della società moderna e che nessun profitto può essere comparato alla bellezza della natura.

E lui lo sa bene perché è cresciuto in una fattoria e ha assistito in prima persona al taglio degli alberi piantati da suo padre e da suo nonno.

antonio vicente1

“Quando ero un bambino, i contadini tagliavano gli alberi per fare spazio a pascoli e per estrarre carbone. L’acqua in quelle zone è stata prosciugata e non è mai più tornata”, ha detto Vicente alla BBC.

Da hobby del fine settimana, il suo si è trasformato in un lavoro a tempo pieno. Ormai il suo terreno è una piccola giungla con oltre 50mila alberi, una sorta di santuario per la fauna selvatica.

“Da quando ho iniziato a piantare alberi, l’acqua in questa zona è tornata e ora ci sono oltre 20 sorgenti. Ci sono uccelli, insetti, opossum, ma anche scoiattoli e perfino i tucani, ha aggiunto.

Potrebbero interessarvi:

Oltre 8mila ettari di foresta pluviale brasiliana sono stati distrutti tra agosto 2015 e luglio 2016, numeri allarmanti. La storia di Antonio Vicente è quella di una goccia in mezzo all’oceano, ma immaginiamo che cambiamento ci sarebbe se tutti facessimo come lui.

Dominella Trunfio

Foto

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram