policlinico di modena

Una coppia di coniugi ha donato 2 milioni e mezzo di euro al Policlinico di Modena per costruire un nuovo reparto, dove si potranno curare i pazienti che si sottoporranno agli interventi chirurgici. Il loro gesto di solidarietà sta commuovendo l’Italia.

La coppia non ha avuto figli e non ha eredi a cui destinare il proprio patrimonio. Ecco dunque l’idea di devolvere i risparmi in beneficenza a favore dell’ospedale. Grazie a questa donazione il signor Otello Burani e sua moglie Maria Giovetti vogliono contribuire alla rinascita del territorio modenese che negli anni scorsi è stato duramente colpito dal terremoto.

Grazie alla costruzione del nuovo reparto, il dipartimento di chirurgia generale e specialità chirurgiche funzionerà meglio e potrà ospitare i pazienti che avranno subito interventi ad alta intensità chirurgica e interventi di chirurgia epato-bilio-pancreatica.

Si tratta di un gesto di riconoscenza verso la loro terra e di un lascito per la loro città, come spiega lo stesso Policlinico. I coniugi hanno sottolineato che non avendo avuto la fortuna di avere figli hanno pensato a lungo come impiegare al meglio i frutti del proprio lavoro, in modo che altri potessero trarne beneficio.

“È un Policlinico che cambia e si migliora, quello che abbiamo di fronte. Un processo graduale e costante, che procede a ritmo spedito. Un puzzle complesso nel quale collochiamo un tassello dopo l’altro, proprio come quello che stiamo posizionando oggi. È con grande piacere che salutiamo l’inaugurazione del nuovo reparto di Degenza ad Alta Intensità Chirurgica e Centro Trapianti di Fegato ha commentato con gratitudine il direttore generale del Policlinico di Modena Ivan Trenti.

Per il signor Otello la decisione è nata di recente, dopo aver avuto bisogno di recarsi in ospedale. Vista la situazione del Policlinico di Modena, ha pensato di poter fare qualcosa di importante per migliorarla, a favore dei pazienti e di tutti i cittadini.

Il nuovo reparto ora è quasi terminato. Comprenderà 18 posti letto di degenza ordinaria, 13 camere da 2 posti letto ciascuna, di cui 2 attrezzate con posti letto peri disabili, 2 camere singole e 2 ambulatori medici.

Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna, ha ringraziato i coniugi per la generosità, dato che la loro donazione ha permesso l’investimento per costruire il nuovo reparto dell’ospedale, e li ha lodati come esempio di sensibilità e di coscienza civile per tutta l’Emilia Romagna.

f

Marta Albè

Fonte foto: Policlinico di Modena

Leggi anche:

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram