doyne heroes 06

Nel 2005, Maggie Doyne, neodiplomata e in attesa di iniziare l’università, decide di prendersi un anno sabbatico per girare il mondo: il suo viaggio la porta fino in Nepal, dove incontra i piccoli orfani della guerra civile e decide di occuparsi di loro in modo stabile, cambiando per sempre la loro vita - e la propria.

Diciotto anni, uno zaino in spalla, il sorriso sulle labbra e tanta voglia di scoprire il mondo: è così che, alla fine del liceo, Maggie Doyne lascia la sua casa del New Jersey e parte per un viaggio premio intorno al mondo. Un periodo immaginato come una boccata di vita e di libertà, prima di iniziare l’avventura del college, e che la ragazza ha già riempito di tante piccole attività di volontariato, appoggiandosi ad alcune organizzazioni non governative. Non sa ancora, non può sapere, che quel viaggio rivoluzionerà tutti i suoi progetti, ridisegnando completamente la sua vita. 

Nel 2006, in un campo profughi dell'India, Doyne incontra una bimba nepalese che vuole tornare nel suo Paese - dove si è appena conclusa una guerra civile sanguinosa, durata un decennio - per rintracciare i suoi genitori. La ragazza decide di accompagnarla e così approda in Nepal, dove tocca con mano la povertà e la miseria lasciate dal lungo conflitto.

Nel piccolo Paese asiatico, Doyne incontra donne e bambini costretti a lottare ogni singolo giorno per sopravvivere: un’immagine che la colpisce profondamente e che la spinge a chiamare i suoi genitori, chiedendo loro di inviarle tutti i risparmi che ha accumulato durante il liceo lavorando come babysitter.

La cifra ammonta a circa 5000 dollari: quanto basta per comprare un appezzamento di terreno nel Surkhet, una regione ad ovest del Nepal, e per costruire, con il supporto della comunità locale, una casa per ospitare i bimbi resi orfani dalla guerra. La Kopila – in nepalese “germoglio” - Valley Children’s Home apre ufficialmente i battenti nel 2008. Oggi vi risiedono quasi cinquanta tra bambini e ragazzi, che non hanno una famiglia o dei parenti che si possano prendere cura di loro e che vi ricevono affetto, assistenza e sostegno, accuditi da persone che fungono da “zii” e “zie”.

doyne heroes 00

doyne heroes 02

Dopo aver creato la casa famiglia, Doyne si pone subito un altro obiettivo, persino più ambizioso: fondare una scuola gratuita e di buon livello, che permetta anche ai bambini più poveri di ricevere un’istruzione. A questo scopo, la ragazza costituisce una ONG, la BlinkNow Foundation, per poter contare su una più ampia rete di volontari e sostenitori e dare basi più solide alla sua attività in favore dei bimbi nepalesi. Ed è così che, nel 2010, viene inaugurata la Kopila Valley Primary School, che oggi conta ben 350 studenti.

Oltre alla scuola e all’orfanotrofio, il lavoro dell’associazione fondata da Doyne ha permesso la creazione di una piccola clinica, per far sì che tutti i bimbi possano ricevere assistenza medica e cure adeguate, di un centro di consulenza per aiutare gli studenti a trovare la loro strada nella vita e di un centro dedicato alle donne. Tutte strutture realizzate per essere sostenibili e che sono alimentate in larga parte da energia solare.

doyne heroes 01

Oggi Maggie Doyne vive in Nepal, dove si occupa a tempo pieno dei “suoi” bambini. Un viaggio intrapreso a soli diciotto anni le ha rivoluzionato l’esistenza, trasformandola in un angelo custode per i più deboli, in un piccolo Paese lontanissimo dal proprio. Ma la ragazza tiene a precisare che non avrebbe mai potuto realizzare nulla di quanto ha fatto senza la collaborazione delle comunità locali.

“Ho imparato molto presto, fin dall'inizio, che non potevo arrivare qui e dire ‘Ecco, ho un’idea. Questo è ciò che faremo.’ Non funziona così.” – racconta Doyne“Il processo deve essere lento, deve essere organico. Deve provenire dalla comunità, nascere da un ‘noi’. Per me è importante sottolineare che questo è un progetto nepalese, che opera in favore del Nepal e della comunità locale.”

Per il suo lavoro straordinario e quasi decennale in favore dei bimbi del Nepal, Maggie Doyne è stata inserita dalla CNN nella Top 10 del premio Hero of the Year: tutti i finalisti potranno essere votati sul sito del network entro il prossimo 15 novembre e il vincitore verrà proclamato all’inizio di dicembre.

Lisa Vagnozzi

Photo Credits

LEGGI anche

Eroi dell'anno: la signora dei bradipi che salva i cuccioli orfani (FOTO e VIDEO)

Eroi dell’anno: l’uomo che rifornisce di acqua potabile i villaggi indiani colpiti dalla siccità (VIDEO)

Eroi dell'anno: il medico che presta cure gratuite in strada ai senzatetto di Pittsburgh (VIDEO)

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram