Tutti vogliono vedere il wallaby albino appena nato nello zoo di Riccione, destinato a diventare ennesima attrazione a libertà zero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel giardino zoologico dell'Oltremare Family Experience Park di Riccione è venuto alla luce da poco un esemplare di wallaby albino, ma si tratta dell'ennesimo animale che probabilmente non conoscerà mai il suo habitat naturale.

Come conservare al meglio le fragole

Qualche settimana fa è venuto alla luce un adorabile wallaby albino, che è stato ribattezzato col nome Blanco per via della sua anomalia genetica. La nascita di un cucciolo è senz’altro fonte di grande gioia ed emozione. O almeno così dovrebbe essere.

Peccato, però, che l’esemplare non sia nato in Australia, ma a decine di chilometri di distanza dal suo habitat di distanza, ovvero a Riccione, all’Oltremare Family Experience Park. E molto probabilmente Blanco non vedrà mai la sua terra d’origine.

Quando il baby wallaby, che fa parte della stessa famiglia dei canguri, è venuto al mondo lo staff veterinario del parco tematico ha notato subito che aveva qualcosa di speciale. Infatti, dopo le prime settimane il suo pelo è diventato viva via più chiaro. E, come si vede nelle foto diffuse dal Oltremare Family Experience Park è ormai praticamente di un candido bianco, mentre il suo musetto è rosa.

wallaby albino riccione

@Oltremare Family Experience Park

Solitamente l’albinismo è un fatto eccezionale, ma nella genetica della colonia di wallaby da cui discende Magda vi sono stati già altri casi in passato. L’albinismo è una malattia genetica che consiste nella mancanza, completa o parziale, della pigmentazione che è prodotta dalla melanina.

Al momento il cucciolo pesa circa 1,5 chili e di tanto in tanto esce dal marsupio di mamma Magda. Generalmente i wallaby restano un paio di mesi nel marsupio senza uscire e soltanto dopo 60 giorni cominciano a mettere la testa fuori per scoprire il mondo esterno.

Nonostante il piccolo marsupiale sia nato da poche settimane, diversi visitatori lo hanno già osservato da vicino nel giardino zoologico. Ed è probabile che sarà costretto a trascorrere il resto della sua esistenza nel parco italiano, dove vengono tenuti prigionieri anche delfini, gufi, aquile ed altri animali sfruttati in vari spettacoli. Questa consapevolezza non può che suscitare in noi  una grande tristezza.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Oltremare Family Experience Park

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook