Vietati i tour su cavalli e cammelli presso le piramidi di Giza e nei principali siti archeologici egiziani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vietati i tour su cavalli e cammelli presso le piramidi di Giza e nei principali siti archeologici egiziani

Ecco il carrello smart per la spesa

Niente più passeggiate a cammello e a cavallo presso le piramidi di Giza e nei principali siti archeologici egiziani. Il Ministero del Turismo egiziano finalmente le ha vietate.

Lo ha annunciato PETA Asia, organizzazione che combatte da anni a favore dei diritti degli animali. Peta ha dichiarato che molti dei cammelli utilizzati nei tour di Giza provengono dal mercato dei cammelli di Birqash al Cairo, dove sono stati più volte filmati mentre venivano picchiati a sangue. Abuso vietato dalla stessa costituzione, che fa riferimento all’obbligo statale di “garantire  un trattamento umano degli animali.”

E nel corso di diverse indagini PETA Asia ha più volte filmato terribili maltrattamenti, denunciando le condizioni degli animali impiegati nei siti archeologici del paese. Finalmente, dopo tante lotte, il Ministero si è mosso.

In realtà l’impiego di animali per le passeggiate non è stato bandito nell’intero paese, ma si tratta pur sempre di un primo passo importante per favorire una nuova consapevolezza. Ora al posto di cammelli e cavalli, i turisti si muoveranno su auto e autobus elettrici.

FONTE: Peta Asia

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook