Un pesce palla degli abissi, rarissimo e spaventoso, avvistato in California

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un rarissimo esemplare di rana pescatrice, proveniente dalle profondità oceaniche, è stato avvistato da un ignaro surfista

Un rarissimo esemplare di rana pescatrice, proveniente dalle profondità oceaniche, è stato avvistato da un ignaro surfista

All’inizio, era solo una macchia nera avvistata tra le rocce a largo di San Diego questa settimana, scambiata per una palla di catrame. Ma poi, quando un surfista si è avvicinato, si è reso conto che non era sporcizia ma un terrificante animale dotato di piccoli occhi neri, dentini appuntiti e un bulbo sulla testa coperto di tentacoli.

L’animale è stato identificato dagli scienziati della Scripps Institution of Oceanography dell’Università della California a San Diego come Himantolophus – un abitante delle acque profonde così raro che solo 31 esemplari sono stati avvistati da quando la specie è stata scoperta all’inizio del secolo scorso. Ciò che ha sorpreso gli scienziati, vista la rarità delle apparizioni di questo animale, è il fatto che questo sia il terzo esemplare della specie avvistato quest’anno a largo della California – anche se potrebbe sembrare anomalo questo avvistamento, gli esemplari visti quest’anno sono troppo pochi per dare far pensare a qualche grave squilibrio nel loro ecosistema. Gli scienziati intendono cogliere questa succulenta opportunità per capire qualcosa in più su questa specie.

Himantolophus è una delle oltre 100 specie di rana pescatrice attualmente classificate dagli scienziati, ed è diventato piuttosto famoso grazie al film Disney Alla ricerca di Nemo, dove interpreta (ovviamente!) il ruolo del cattivo. Abita a profondità estreme e attira le sue prede con l’aiuto di una vistosa “lampadina” che pende dall’appendice posta sulla sommità della testa: gli basta tenere la bocca aperta ed ignari pescetti nuotano direttamente fra le sue fauci. L’esemplare appena avvistato è una femmina adulta, con il corpo in perfette condizioni (a parte alcuni graffi provocati probabilmente dall’azione delle correnti o da qualche gabbiano curioso). Ora gli scienziati si dedicheranno a compiere ulteriori indagini per scoprire qualche informazione in più sulla misteriosa specie.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: The Guardian

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook