Trentino, Val di Jon: l’eccezionale salvataggio del cucciolo d’orso rimasto incastrato tra 2 alberi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Salvato cucciolo di orso in Val di Jon, Trentino.  Un'operazione particolarmente delicata che fortunatamente ha visto l'animale uscirne illeso.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

Salvato cucciolo di orso in Val di Jon in Trentino.  Un’operazione particolarmente delicata che fortunatamente ha visto l’animale e i suoi salvatori uscirne illesi.

L’orsetto è stato trovato dalla Guardia Forestale, mentre effettuava alcuni controlli nella zona. Gli uomini sentivano alcuni lamenti e, avvicinandosi, ne hanno scoperto il motivo: la zampa posteriore del piccolo era rimasta incastrata tra due alberi. 

Dopo un primo controllo a distanza, gli uomini della Corpo forestale hanno stabilito che il cucciolo non sarebbe riuscito a liberarsi da solo. La situazione era complicata dal fatto che la madre si trovava in prossimità dell’accaduto. 

Il personale specializzato si è così avvicinato così al luogo dell’accaduto con un elicottero, operazione che ha favorito l’allontanamento della madre. In questo modo un operatore è potuto intervenire con una motosega, tagliando i rami della pianta che intrappolavano il piccolo. È bene specificare che è stata un’intervento delicatissimo, che solo del personale estremamente specializzato è in grado di portare a termine senza infortuni. 

 Le operazioni, particolarmente delicate, si sono svolte rapidamente e nel migliore dei modi, grazie alla professionalità del personale coinvolto, sia del Nucleo elicotteri sia del Corpo forestale Trentino.

Avvistare degli orsi in queste zone è raro ma non impossibile. Per questo ci sono dei comportamenti da rispettare per evitare il peggio. 

In primis è necessario sapere in anticipo se la zona in cui si intende effettuare un’escursione è in quel periodo nota per essere frequentata da femmine con cuccioli. La Regione Trentino mette a disposizione una mappa che viene costantemente aggiornata sul sito Grandicarnivori.provincia.tn.it.

Il sito della regione offre anche un prontuario nel caso in cui si incontrasse un orso: 

  • Non rimanere mai vicino a un orso per osservarlo o fotografarlo: questo lo rende confidente con l’uomo.
  • Se l’orso non ti ha notato, torna in silenzio sui tuoi passi
  • Se ti ha notato, probabilmente si allontanerà da solo. Attendi prima di proseguire e non seguirlo.
  • Se l’orso si alza sulle zampe posteriori, vuole identificarti. Rimani fermo e fai sentire la tua voce con tono calmo
  • Se l’orso rimane fermo, allontanati lentamente
  • Se l’orso si avvicina, resta fermo, fai sentire la tua voce senza urlare, dandogli modo di capire che non sei un pericolo per lui
  • Se l’orso attacca, rimani al suolo faccia a terra con le dita delle mani intrecciate dietro il collo e le braccia a proteggere il capo. Non gridare e non tentare di colpirlo. Se indossi uno zaino, non liberartene: potrebbe essere utile per proteggerti. Alzati solo quando l’orso si è allontanato.

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Redattrice su temi della sostenibilità sociale e ambientale. Laureata con lode in filosofia, ha conseguito un master di II livello in Rendicontazione Innovazione e Sostenibilità. Ha maturato esperienza nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi presso enti profit e no profit.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook