Tigre siberiana scavalca il recinto e uccide il guardiano e un’altra tigre: l’ennesima conferma che gli zoo sono da abolire

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una tigre siberiana, che vive da 15 anni rinchiusa al Seaview Predator Park, ha attaccato e ucciso un guardiano dello zoo e un'altra tigre.

Non conservare così l'avocado: è pericoloso

Jasper è una tigre siberiana che da 15 anni, fin da quando era cucciola, ha vissuto tra le sbarre del Seaview Predator Park, un rinomato zoo del Sudafrica. Per tutto questo tempo si è rassegnata ad una triste esistenza in cattività, senza mai ribellarsi. Ma qualche giorno fa è accaduto ciò che nessuno dei gestori dello zoo si sarebbe mai aspettato: l’animale ha scavalcato il suo recinto per aggredire David Solomon, il guardiano che conosceva fin dalla sua nascita. Le frattura riportata al collo è stata fatale per l’uomo. Dopo aver ucciso l’uomo, Jasper ha attaccato un’altra tigre, che è morta a seguito delle ferite. 

Durante dei lavori di manutenzione Jasper è saltata sul recinto esterno ed è uscita – raccontano dal Seaview Predator Park – David si trovava, purtroppo, in mezzo tra i due recinti delle tigri e si stava dirigendo  verso i rubinetti dell’acqua quando si è verificato l’incidente. David ha cercato di scavalcare la recinzione di un altro box per mettersi in salvo, ma è stato attaccato da Jasper. Confermiamo che David aveva ovviamente dei segni di morsi, ma pare che Jasper abbia fratturato gli abbia fratturato il collo. Jasper ha poi continuato a saltare dalla recinzione esterna del box accanto che ospita le tigri siberiane Judah e Amber. Ne è seguita una lotta in cui Judah è rimasta uccisa. Essendo un esemplare maschio, Jasper voleva tutte le attenzioni della femmina Amber.

I colleghi di David adesso sono sotto shock per quanto accaduto e danno la “colpa” di tutta quell’aggressività agli ormoni (come se una vita intera vissuta in gabbia non fosse un motivo sufficiente!)

David Solomon era al Seaview Predator Park da circa 15 anni e conosceva ogni animale da quando erano cuccioli. – raccontano i gestori dello zoo – Siamo tutti una grande famiglia e la perdita di David ha lasciato ognuno di noi spezzato e traumatizzato, in particolare i membri dello staff e i volontari che erano presenti quando l’incidente è avvenuto. La presenza di David, le battute, la volontà di insegnare ai nostri giovani volontari e sua la personalità mancherà tantissimo e porgiamo le nostre sentite condoglianze alla sua famiglia e agli amici più stretti. Che la sua anima possa riposare in pace. Confermiamo che tutti i felini di taglia grande si trovano tranquilli all’intenro dei loro box. L’ incidente di Jasper è il primo al parco e ovviamente è stato alimentato dagli ormoni. Jasper ora è abbastanza tranquillo e condivide una gabbia con Amber e non c’è alcun piano che prevede l’abbattimento di Jasper.

Purtroppo, non è il primo evento di questo tipo che si verifica all’interno di luoghi come gli zoo. Circa un mese fa vi abbiamo raccontato della leonessa che ha attaccato il suo addestratore davanti agli occhi attoniti degli spettatori in un circo russo, ma la lista sarebbe davvero lunga. Quante altre tragedie dovranno ancora verificarsi per convincerci che gli zoo e i circhi sono da chiudere definitivamente?!

Fonte: Seaview Predator Park 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook