Nel 2021 ci siamo mangiati 2 milioni di agnelli. Quest’anno a Pasqua scegliamo di non essere complici della strage

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ogni anno in Italia vengono macellati oltre 2 milioni di agnelli per finire sulla nostra tavola, soprattutto durante le festività pasquali. Ma attraverso le nostre scelte di consumo possiamo fermare questa mattanza

Strappati alle loro madri a qualche settimana dalla nascita e costretti ad affrontare vere e proprie odissee stipati su camion e navi per poi diventare carne da macello. È la sorte terrificante e disumana che tocca ogni anno a circa 2 milioni di agnelli nel nostro Paese. Il picco delle uccisioni si raggiunge proprio a ridosso delle festività di Pasqua, quando vengono macellati circa 300mila esemplari – in nome di una tradizione religiosa ormai anacronistica – per finire sulle tavole.

Anche se rispetto a circa un decennio fa si è assistito ad un crollo delle richieste, i numeri relativi all’ultimo anno sono ancora troppo elevati. Nel corso del 2021, infatti, gli agnelli brutalmente uccisi sono stati ben 2.202.293 (contro i 2.828.878 del 2021), come riferito dai dati diffusi dall’associazione Essere Animali, che si batte da tempo per fermare questa strage.

agnelli macellati 2021

@Essere Animali

La terrificante (e breve) vita degli agnelli

Purtroppo l’esistenza degli agnelli è segnata fin dalla loro nascita. Le femmine vengono sfruttate negli allevamenti per la produzione del  latte (andando incontro allo stesso destino delle madri). Gli esemplari maschi, invece, vengono strappati alle loro mamme e a circa un mese dalla nascita vengono macellati. Prima di essere uccisi, però, molti agnellini sono costretti ad affrontare viaggi interminabili – talvolta lunghi anche 30 ore – ammassati sui camion senza spazio per muoversi e senza cibo e acqua, come hanno confermato numerose indagini svolte da associazioni animaliste e dalle forze dell’ordine. In Italia un agnello su tre che finisce sulle nostre tavole, proviene infatti, da Paesi esteri come la Spagna e la Romania.

L’incubo, poi, prosegue con la macellazione. In troppi casi a questi cuccioli vengono inflitte atroci sofferenze e vengono uccisi quando sono ancora coscienti. In teoria per legge l’abbattimento dovrebbe avvenire dopo lo stordimento, ma spesso continuano ad essere ancora coscienti durante l’operazione. E quando gli operatori se ne accorgono capita che vengono storditi con scariche elettriche.

Leggi anche: Trasporto animali vivi: documentata l’atroce odissea subita da milioni di agnelli per finire sulle nostre tavole durante le feste

#IONONLOMANGIO: con le nostre scelte possiamo fermare la mattanza

Che fare di fronte a tanta crudeltà? Ognuno di noi può provare a invertire la tendenza attraverso le proprie scelte di consumo. Per invitare gli italiani a fermare la strage di agnelli l’associazione Essere Animali, anche quest’anno, sta portando avanti la campagna social #IONONLOMANGIO.

Per partecipare basta condividere sui social una foto accompagnata dall’hashtag #iononlomangio in modo da far diventare virale il messaggio e spingere tante altre persone ad iniziare a vedere gli agnelli come esseri viventi e non come cibo.

Tutti insieme possiamo dire no a quest’antica tradizione sanguinaria, optando per un menu pasquale senza crudeltà!

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Essere Animali/Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook