Scoperto nuova specie di millepiedi che ha preso il nome di Taylor Swift

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un team di studiosi ha scoperto in un parco del Tennessee 17 nuove specie di millepiedi, di cui una è stata dedicata a Taylor Swift come omaggio alla cantante che ha vissuto parecchi anni in questo Stato americano, un'altra porta il nome della moglie di uno degli esperti

Nello Stato orientale del Tennessee un gruppo di scienziati ed entomologi del Virginia Tech ha fatto una interessantissima scoperta in un parco forestale: ben 17 nuovi millepiedi del gruppo wilsoni sono state identificati, portando il numero delle specie finora note del suddetto gruppo a 24 ed quelle del genere Nannaria a 78. I risultati dello studio sono stati condivisi sulla rivista ZooKeys.

Ad una di queste specie è stato dato il nome di Nannaria swiftae, dedica personale dell’entomologo Derek Hennen alla cantante Taylor Swift che occupa un posto speciale nella sua carriera.

Sono un grande fan della musica di Taylor e l’ho ascoltata molto durante tutta la scuola di specializzazione. Mi ha portato gioia e mi ha aiutato in alcuni momenti difficili, quindi volevo mostrare il mio apprezzamento. Dato che questa nuova specie proviene dal Tennessee e lei ha vissuto nel Tennessee per un po’, ho pensato che fosse una bella scelta”

ha raccontato l’esperto che spera che la cantante apprezzi questo gesto.

Il Nannaria swiftae è un millepiedi dal colore arancio-brunito ed è stato ritrovato nelle foreste delle contee di Cumberland, Monroe e Van Buren nel Tennessee. Hennen non poteva non dedicarne poi uno a sua moglie che l’ha supportato nelle sue ricerche e così una delle specie è stata chiamata per l’occasione Nannaria marianae.

Tutte e 17 i millepiedi del gruppo wilsoni sono stati scoperti e distinti l’uno dall’altro osservando la morfologia delle zampe che questi invertebrati utilizzano per riprodursi, come ha spiegato il Dr. Hennen in un suo post su Twitter.

Il gruppo delle specie wilsoni ha mostrato nel tempo una grande adattabilità a microhabitat e clima differenti ed infatti questi millepiedi sono stati ritrovati proprio in un parco statale, frequentato da tutti, mentre si sapeva che tendessero a abitare maggiormente l’alta quota del Nord America.

Questo ritrovamento fa ben sperare per la conservazione di questi artropodi invertebrati che si stanno riproducendo anche in aree altamente frequentate dall’essere umano. Allo stesso tempo grazie a questa scoperta inattesa, non è difficile credere che tante altre specie possano essere individuate nelle regioni meridionali americane.

Fonte: Zookeys

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook