Ritenuto estinto, trovato per la prima volta dopo 40 anni un pipistrello a ferro di cavallo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ruanda: un gruppo di esperti ha ritrovato un esemplare di Rhinolophus hilli. Non se ne vedevano da 40 anni

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

In Ruanda nel Nyungwe National Park un gruppo di ricercatori del Bat Conservation International ha scoperto una specie ritenuta estinta poiché non veniva avvistata da oltre 40 anni. E’ il Rhinolophus hilli o pipistrello a ferro di cavallo che deve il suo nome alla singolare forma del suo naso e della bocca.

Questo pipistrello dalle medie dimensioni era stato inserito dalla IUCN – International Union for Conservation of Nature – nella lista delle specie minacciate d’estinzione ed infatti non era noto se al mondo ci fosse ancora qualche esemplare di questa specie fin quando il team non ha annunciato di aver trovato un particolare pipistrello del tutto fuori dal comune, confermando che si trattava proprio del genere a ferro di cavallo.

Capimmo subito che il pipistrello che avevamo catturato era insolito e straordinario. I tratti sul muso erano troppo marcati, quasi comici sotto un certo punto di vista. I pipistrelli a ferro di cavallo sono facilmente distinguibili dagli altri pipistrelli per la caratteristica forma a ferro di cavallo ed i peculiari lembi di pelle sul naso”

ha detto il Dr. Winifred Frick del BCI. Gli studiosi hanno fotografato il pipistrello, prendendo le sue misure e confrontandole con i dati forniti dagli archivi museali europei per confermare la scoperta e così è stato. L’animale è stato subito rilasciato in natura, dopo le analisi e la conferma ufficiale: il pipistrello a ferro di cavallo non è più estinto!

Il progetto di ricerca che gli esperti del BCI stanno portando avanti in Ruanda è iniziato nel 2013. Dopo nove anni, 23 grotte differenti monitorate in ogni punto e migliaia di registrazioni audio, in otto cavità è stata rilevata la presenza del Rhinolophus hilli. La sua area di diffusione rimane nonostante tutto molto piccola, motivo per cui il Bat Conservation International assieme agli enti del parco con cui collabora, farà di tutto per proteggere il suo habitat e garantire la sopravvivenza della specie.

Fonte: batcon

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook