Delfini uccisi barbaramente in Florida, ricompensa di 20mila dollari per trovare gli assassini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

National Oceanic and Atmospheric Administration ha offerto una ricompensa di 20mila dollari per trovare i responsabili delle due uccisioni.

Pugnalati o ammazzati dai proiettili. Due delfini sono stati trovati morti lungo la costa del Golfo della Florida la scorsa settimana e il National Oceanic and Atmospheric Administration(NOAA) ha offerto una ricompensa di 20mila dollari per trovare i responsabili delle due uccisioni.

Uno dei due delfini è stato rinvenuto dai biologi della Florida Fish and Wildlife Conservation Commission al largo di Naples, con una lesione mortale provocata da un oggetto appuntito, mentre l’altro è stato trovato con un foro di proiettile a Pensacola Beach.

Le indagini sui due delfini uccisi sono attualmente in corso e funzionari NOAA stanno cercando informazioni e offre una ricompensa a chi fornirà dettagli utili, anche in forma anonima, per identificare chi ha provocato la morte degli animali.

I biologi ritengono che in entrambi i casi i delfini possano essersi avvicinati spontaneamente ai propri assassini poiché abituati agli esseri umani, che troppo spesso nutre i delfini, insegnando loro ad associare le persone al cibo e a fidarsi degli esseri umani. Per questo motivo, è fondamentale evitare di nutrire gli animali selvatici.

Secondo quanto riportato dal NOAA, dal 2002 sono almeno 29 i delfini che si sono arenati sulle coste sud-orientali degli Stati Uniti. Molti di loro presentavano ferite provocate da oggetti usati nella pesca o fori di proiettile.

In Florida, molestare, cacciare, uccidere o alimentare i delfini è vietato dalla legge sulla protezione dei mammiferi marini. La violazione della normativa può avere conseguenze civili e penali, con sanzioni fino a 100.000 e fino a un anno di reclusione e la violazione della normativa può avere conseguenze civili e penali, con sanzioni fino a 100.000 dollari e alla reclusione per un anno.

NOAA è impegnata a prevenire e punire tali violazioni: già lo scorso luglio aveva offerto una ricompensa di 38mila dollari a chi avesse rivelato l’identità del responsabile dell’uccisione di un delfino pugnalato alla testa e ritrovato nei pressi di Captiva Island.

Fonte di riferimento: National Oceanic and Atmospheric Administration

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook