Nidi di plastica! Gli uccelli di tutto il mondo stanno nidificando sulla nostra spazzatura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutti gli uccelli del mondo sono minacciati dalla plastica e i suoi detriti. Un progetto ha immortalato le specie aviarie e i loro siti di nidificazione dove al posto di rami vi sono residui plastici e altri rifiuti dispersi nell'ambiente da noi esseri umani

Nidi di frammenti di plastica e vecchi imballaggi, lenze e palloncini tra il becco e mascherine chirurgiche aggrovigliate al collo. Queste sono le condizioni in cui vivono gli uccelli di tutto il mondo, le cui popolazioni sono continuamente sommerse dai rifiuti prodotti dall’essere umano.

A denunciare questa situazione critica è il progetto Birds and Derbis dell’Environmental Research Institute scozzese, un sito interattivo dove gli utenti di tutto il mondo possono caricare foto di uccelli in difficoltà, impigliati in resti di plastica o di altri materiali.

uccelli mappa

@Birds and Derbis

Le immagini sono tantissime e non hanno bisogno di parole per essere descritte.

nido plastica

@Alli/Birds and Derbis

L’obiettivo del progetto è proprio quello di mostrare l’impatto della plastica e degli altri rifiuti di natura antropogenica sul mondo aviario e scoprire allo stesso tempo quali specie siano più a rischio.

folaga rifiuti

@Sam Mellema/Birds and Derbis

I rifiuti che attualmente più si trovano dispersi nell’ambiente e nei siti di nidificazione continuano a essere le mascherine facciali, un vero disastro ecologico spinto dalla pandemia di Coronavirus.

 

Sono quasi tutte mascherine. Se pensiamo ai diversi materiali di cui è fatta una mascherina chirurgica c’è l’elastico che vediamo aggrovigliato attorno alle zampe degli uccelli. Potremmo vedere anche uccelli feriti che cercano di ingerire il tessuto o il pezzo di plastica dura che lo fissa sopra il tuo naso.

Si è soliti usare il termine generico di ‘plastica’, ma in realtà la plastica è un’intera gamma di polimeri diversi e le maschere ne sono un buon esempio, ha dichiarato il dottor Alex Bond, uno degli studiosi coinvolti nel progetto.

uova gabbiano reale

@Nina O’Hanlon/Birds and Derbis

L’inquinamento da plastica è un fenomeno di proporzioni globali e non risparmia nessun essere vivente. Dalle tartarughe nei nostri mari agli uccelli marini, terrestri e di acqua dolce. I ricercatori dell’Environmental Research Institute stimano che al momento il 36% di tutti gli uccelli marini viventi vengano quotidianamente a contatto con la plastica.

@Nina O’Hanlon/Birds and Derbis

Seppure il nostro Pianeta abbia da tempo superato il limite planetario tollerabile dei rifiuti riversati in natura, il genere umano sembra continuare a non comprendere a pieno la pericolosità del problema.

Fonte: Birds and Derbis

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook