Le 4 mamme umane che stanno allevando una coppia di cuccioli di orso polare abbandonati alla nascita

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quattro mamme umane si stanno prendendo cura di due cuccioli di orsi polari nati a dicembre ma rifiutati dalla madre

Quattro mamme umane si stanno prendendo cura di due cuccioli di orsi polari nati a dicembre ma rifiutati dalla madre in un parco safari nel sud della Russia. Per 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, le donne sostenute dai veterinari stanno nutrendo i piccoli, fornendo loro non solo il latte ma anche coccole e massaggi.

La loro vita era iniziata in salita. Nati da un’orsa di sette anni, chiamata Seryozhka, dell’arcipelago di Novaya Zemlya, e da Sedov, un orso di 18 anni, i due cuccioli erano stati abbandonati dalla mamma fin dai primi momenti di vita. Così il personale del parco ha deciso di adottarli. Adesso i due orsetti, un maschio e una femmina, hanno quattro mamme umane e prendersi cura di loro. E crescono felici e sani.

Anastasia e Olesya Sakhatskaya, entrambe di 39 anni, Maria Moroz, 32 anni e Yelena Milovidova, 31 anni hanno finora fatto enormi progressi nel far superare ai cuccioli il periodo postnatale, il più pericoloso.

Questi sono i primi cuccioli di Sedov, un orso molto amato dagli abitanti di Krasnoyarsk dopo aver trascorso, suo malgrado, la maggior parte della sua vita nello zoo locale di Royev Ruchey Park. Le prime sei settimane dalla nascita sono state le più difficili, con le quattro “madri adottive” e due veterinari ad alternarsi per assicurarsi che la temperatura corporea dei cuccioli fosse sempre stabile e che ricevessero la giusta quantità di cibo.

Molti nella città siberiana hanno seguito con impazienza gli aggiornamenti sui progressi dei cuccioli e hanno esultato sui social media quando i piccoli hanno superato le difficoltà legate all’allattamento grazie alle loro mamme umane. Le quattro donne russe non fanno loro mancare le cure e l’affetto di cui i piccoli hanno bisogno.

“Non ci sono stati ancora casi di allevamento di cuccioli di orso polare rifiutati dalla madre in uno zoo russo, questa è la prima esperienza per noi. Nel mondo ci sono stati solo cinque casi di successo di cuccioli di orso polare allevati dalla nascita in cattività. Spero che ce la faremo “, ha detto Yelena Milovidova, vicedirettore del parco safari Gelendzhik.

I cuccioli ora pesano circa 4 kg  e un mese di vita. Da poco hanno aperto gli occhi per la prima volta. Ora dovrebbero iniziare a raddoppiare di peso ogni due settimane mentre a tre mesi inizieranno con le passeggiate all’aria aperta, certamente in compagnia delle donne che in questi giorni si stanno prendendo cura di loro.

“Non sembrano distinguerci ma conoscono il profumo della nostra pelle e dei nostri vestiti, e sentire qualcuno di noi avvicinarsi per loro significa solo una cosa: la mamma è qui e il cibo sta arrivando ”, ha detto Elena Milovidova.

Purtroppo per loro, però, i piccoli non verranno reintrodotti in natura.

Fonti di riferimento:  Safari-park, The Siberian Times,

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook