La giraffa più vecchia del mondo muore nello zoo australiano, senza aver mai conosciuto la libertà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Morta a 31 anni, Mutangi era nata in uno zoo australiano e ha trascorso l'intera sua esistenza in cattività, senza aver mai saputo cosa volesse dire essere libera

Morta a 31 anni, Mutangi era nata in uno zoo australiano e ha trascorso l’intera sua esistenza in cattività, senza aver mai saputo cosa volesse dire essere libera

Mutangi, la giraffa più vecchia del mondo, è morta poco dopo il suo trentunesimo compleanno – dopo aver trascorso l’intera esistenza in cattività, come purtroppo capita a molti animali. Ad annunciarlo i guardiani del Taronga Western Plains Zoo in Australia, dove la giraffa era nata nel 1990 e dove ha trascorso tutta la sua vita.

Nella sua lunghissima vita, seppur sempre in una condizione di cattività, la giraffa ha svolto un ruolo importantissimo nella salvaguardia e nella proliferazione della sua specie che, ricordiamolo, rischia l’estinzione. Ha infatti dato alla luce ben 14 cuccioli – dodici dei quali sono stati trasferiti in altri zoo dell’Australia e della Nuova Zelanda – che a loro volta hanno fatto nascere altri piccoli. In totali, sono ben 61 le giraffe che si possono far risalire a Mutangi – quindi il suo contributo al programma regionale di allevamento delle giraffe è stato monumentale.

Il cordoglio espresso sui social dai guardiani dello zoo e da chi ha conosciuto la giraffa è immenso, ma non ci deve far dimenticare che Mutangi ha vissuto una vita infelice e innaturale, in uno zoo sin dalla nascita – malgrado l’affetto sincero dimostratole da chi ha avuto a che fare con lei.

È stato un tale privilegio lavorare con Mutangi, anche se faccio fatica a chiamarlo lavoro. Ogni momento che ho condiviso con Mutangi è stato così gioioso ed esilarante, dalle sue sessioni di allenamento al solo guardarla sonnecchiare al sole – scrive il custode Leigh. – Il mondo ha perso un animale straordinario, una delle giraffe più antiche del mondo, una bisnonna che attraverso il suo lignaggio ha contribuito al mondo con 61 giraffe. Per quanto mi riguarda ho perso una cara amica. Il primo nome che dicevo ogni mattina quando arrivavo, e l’ultimo che dicevo quando me ne andavo. L’ombra in piedi su di me mentre rastrellavo e l’annusare sul mio cappello quando mi voltavo le spalle troppo a lungo. Grazie per tutti i ricordi felici Mutangi.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Taoronga Zoo

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook