Le 3 cose che dovremmo imparare dai gatti per vivere meglio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oltre all'affetto che ci trasmettono, i nostri adorati gatti possono insegnarci molto più di quanto possiamo pensare e aiutarci così a vivere meglio la nostra vita sotto tantissimi aspetti

Fedeli, audaci, determinati e a tratti anche leggermente psicopatici. Sui gatti si dice di tutto e di più, ma i felini possono essere veri maestri di vita per quanto in molti fatichino a crederlo. Per anni ritenuti simbolo delle streghe e del demonio, la nomea dei gatti è nettamente migliorata nel corso tempo al punto da considerarli oggigiorno animali domestici (quasi) per eccellenza.

E ci sono tanti motivi per crederlo a cominciare dagli insegnamenti che potremmo apprendere dal condividere lo stesso tetto con un gatto. In particolare vi sono 3 cose che i nostri adorati gatti potrebbero insegnarci per stare bene con noi stessi e vivere meglio:

  1. Vivere nel presente: precedenti studi hanno dimostrato come i gatti ricordino particolari eventi come, ad esempio, un gustoso pasto o una ciotola che ha attirato la loro attenzione. Tuttavia non hanno la concezione del futuro e questo li porta a soddisfare le proprie necessità al momento del bisogno. Vivere nel presente, nel qui e ora come fanno i nostri felini, ci permette di avere il pieno controllo della nostra vita
  2. Imparare dai nostri errori (almeno a breve termine): i ricercatori concordano sul fatto che i gatti provino una certa tristezza mista a depressione, per quanto il termine depressione non sia propriamente corretto. Risulta infatti estremamente difficile comprendere a pieno l’umore di un gatto, ma questo velo di depressione scaturisce da un qualche avvenimento come un comportamento errato. Da questo il micio ha tratto però una lezione. I gatti immagazzinano infatti l’esperienza per tenersi lontani dai guai e come loro anche noi possiamo imparare dai nostri errori e non ripeterli più
  3. Il sano egoismo (e la propria indipendenza): tacciati di agire puramente per il loro interesse, i gatti sanno essere socievoli, affettuosi e anche un po’ egoisti. Ma proprio il loro egoismo e l’indipendenza indiscussa che li contraddistingue gli ha sempre permesso di cavarsela. Sviluppare un sano egoismo significa pensare al bene proprio, averne la piena consapevolezza senza tralasciare gli altri e i gatti lo sanno bene

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sui gatti potrebbe interessarti anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook